• Baietti
  • Romano
  • Catizone
  • Quaglia
  • Napolitani
  • Mazzone
  • Miraglia
  • Tassone
  • Bonanni
  • Crepet
  • Liguori
  • Buzzatti
  • Cocchi
  • Quarta
  • Ward
  • Santaniello
  • Andreotti
  • Dalia
  • Leone
  • Paleari
  • Gelisio
  • Carfagna
  • di Geso
  • Grassotti
  • Ferrante
  • De Leo
  • Alemanno
  • Califano
  • Barnaba
  • Meoli
  • Romano
  • Bruzzone
  • Rinaldi
  • Bonetti
  • De Luca
  • Chelini
  • Cacciatore
  • Valorzi
  • Falco
  • Pasquino
  • Coniglio
  • Scorza
  • Algeri
  • Boschetti
  • Gnudi
  • Rossetto
  • Casciello

Questione di cervello: differenze essenziali tra uomini e donne

13 Dicembre 2011
.
22/09/2021

Le femmine sono negate per la matematica e le scienze in generale, i maschi sono più aggressivi, loro invece sono più portate per le arti e la letteratura.



Ecco solo alcuni esempi delle differenze di comportamento tra maschi e femmine che ricorrono nel pensare comune.

Tuttavia, recenti ricerche confermerebbero davvero l’esistenza di differenze cerebrali tra uomini e donne.

Maschi e femmine diversi dunque nel modo di pensare e di comportarsi per effetto dei condizionamenti culturali e dell’educazione ricevuta ma non solo, le diversità sarebbero il risultato dell’evoluzione che ha portato i due sessi a spartire i compiti necessari per la sopravvivenza durante migliaia di anni.

Sarà il neurochirurgo padovano Massimo Scanarini, venerdì 16 dicembre, alle ore 17.00 in Archivio Antico di Palazzo del Bo, a tenere la terza lezione del percorso formativo sulla storia e la cultura femminile “Tra differenza e identità”, intitolata “Questione di cervello: la differenza essenziale tra donne e uomini“. Coordinatrice dell’iniziativa è Saveria Chemotti, docente dell’Università di Padova e delegata del Rettore per la cultura e gli studi di genere.

L’Ingresso è libero.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata