• Valorzi
  • Baietti
  • Bonanni
  • Califano
  • Miraglia
  • Andreotti
  • Quarta
  • Falco
  • Cocchi
  • Ward
  • Scorza
  • Catizone
  • Leone
  • Pasquino
  • Casciello
  • Coniglio
  • Tassone
  • Rossetto
  • Rinaldi
  • Gnudi
  • Barnaba
  • De Luca
  • Boschetti
  • Buzzatti
  • Gelisio
  • di Geso
  • Romano
  • Carfagna
  • Meoli
  • De Leo
  • Cacciatore
  • Quaglia
  • Liguori
  • Bonetti
  • Ferrante
  • Algeri
  • Chelini
  • Napolitani
  • Bruzzone
  • Santaniello
  • Crepet
  • Dalia
  • Grassotti
  • Alemanno
  • Romano
  • Paleari
  • Mazzone

Teatro-Danza “Cento cose” dell Compagnia della Quarta

Antonietta Amato 14 Dicembre 2011
A. A.
19/09/2021

Cento cose, lo spettacolo proposto dalla Compagnia della Quarta in una frizzante miscela di linguaggi (Teatro-Danza-Video) ha un delicato sapore umoristico.



Cento cose è il racconto dei “tempi moderni” che ci attanagliano ma è anche uno spettacolo di teatro fisico, che racchiude in una coreografia talvolta pantomimica talvolta astratta la storia quotidiana dei tre protagonisti.

La sfida, in questo lavoro dal sapore della comica da cinema muto, sta nella diversa provenienza dei tre interpreti, che da formazioni ed esperienze diverse hanno costruito un linguaggio comune di espressione scenica

Ideazione, regia e coreografia: Mario Coccetti

Interpreti: Silvia Magnani, Patrizia Proclivi, Alessandro Migliucci, P.Risi (in video)
Musiche: Aphex Twin
Costumi: Cristina Gamberini
Video: Lorenzo Cimmino

Prezzi: 15,00 euro intero e 12,00 euro ridotto

Speciale promozione iscritti newsletter Teatro Vascello per un minimo di due persone 1 biglietto a 1,00 euro e 1 a 15,00 euro oppure 1 biglietto a 1,00 euro e 1 a 12,00 euro per danzatori e scuole di danza.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Antonietta Amato Studentessa alla facoltà di Economia, è entrata nel mondo del giornalismo giovanissima. Ha partecipato in qualità di direttrice ad un progetto che prevedeva la diffusione locale di un giornale prodotto completamente da ragazzi, i cui proventi sono stati devoluti interamente all’Unicef . Animata anche dalla passione per la scrittura, si è diplomata con una buona media al liceo classico, si è iscritta alla facoltà di economia e gestisce un’attività commerciale, ma continua a coltivare il sogno di poter lavorare un giorno in un’azienda che faccia dell’informazione apartitica la sua capacità distintiva. Il suo compito a Controcampus prevede la risoluzione di tutte le questioni relative alla organizzazione amministrativa, gestione utenze presso la testata: sarà ben disponibile a dare ai nostri collaboratori tutte le relative informazioni. Leggi tutto