• Google+
  • Commenta
3 gennaio 2012

Cerchi l’amore della tua vita? Conta fino a 13

Carissime ragazze oggi sono qui per darvi una notizia che ha davvero dell’incredibile: dopo lunghe indagini il principe azzurro esiste!

Ebbene si, lasciate perdere la moda del momento che sostiene l’omosessualità dell’amato principe delle favole ma fidatevi di Peter Todd e della sua sensazionale scoperta.

Quante storie avete avuto e in quante storie avete riposto le vostre migliori intenzioni credendo che fosse amore ed invece era un calesse? Ma soprattutto, quante volte siete arrivate a pensare di essere davvero sfigate?
Io personalmente vanto di una lista di sfighe non indifferente, quante storie finite per la troppa gelosia, per la paura dell’altro di avere una relazione seria, per l’essere stata tradita o semplicemente perché eravate nel posto giusto ma nel momento sbagliato? Chi di noi non si è trovata protagonista in una di queste storie, se non tutte? Ma non preoccupatevi doveva andare cosi e non perché dovete diventare masochiste e sperare che anche questa volta sia la volta sbagliata ma è una semplice questione di numeri e se la storia dice che, in alcune culture, il numero 13 porta sfiga per il professor Todd, docente d’informatica e scienze cognitive presso l’Università dell’Indiana a Bloomington, questo numero porta fortuna.

Nella sua ricerca Todd spiega come tramite un algoritmo si può arrivare alla formula perfetta dell’anima gemella e ci svela che : solo dopo aver avuto 12 partner troveremo quello per la vita.

Ovviamente la domanda sorge spontanea: nel nostro conto dobbiamo inserire pure le cotte, le storie di “una notte e via” o solo le storie che noi di solito definiamo come “storie serie”? Ed oltretutto se 13 è il numero perfetto mettiamo caso che il ragazzo sta alla sua 13esima conoscenza (quella giusta) e la ragazza alla sua sesta, settima, come la mettiamo? Il conto non tornerebbe.

Per il momento non ci è dato sapere come il docente dell’Indiana sia riuscito a formulare questo algoritmo e nemmeno se questa tesi abbia avuto riscontri positivi ma soprattutto perché abbia scelto proprio il 13 e non il 3 numero per eccellenza perfetto? A questo punto direi che è inutile tormentarci, chi vuole può iniziare a contare e se per caso il vostro conto ha superato quel “fatidico” numero, non preoccupatevi alla fine l’amore non è questione di numeri è un qualcosa di superiore che nessuno riesce a spiegare e a mio parere mai riuscirà a spiegare: L’amore è amore punto!.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata