• Google+
  • Commenta
23 gennaio 2012

Oltre 800.000 euro alla ricerca Unicam

Oltre 800.000 mila euro per la ricerca Unicam. È con questa cifra che l’Università di Camerino conferma ancora gli ottimi risultati degli anni precedenti nell’ultima assegnazione del co-finanziamento ministeriale per i progetti di rilevante interesse nazionale (PRIN), relativa all’anno 2009 e resa nota nella seconda metà del 2011.

E’ un risultato del quale dobbiamo essere fieri e orgogliosi– sottolinea il Rettore Unicam, prof. Flavio Corradiniperché fornisce una importante dimostrazione della vitalità del nostro Ateneo a conferma degli sforzi che i ricercatori Unicam hanno compiuto e stanno compiendo per attrarre finanziamenti alla ricerca. Tengo a sottolineare poi che non si tratta di un risultato episodico poiché facendo una media dei finanziamenti pro-capite ottenuti dai ricercatori Unicam dal 2006 al 2009, la nostra Università si trova al 5° posto tra gli Atenei italiani”.

In base all’analisi dei dati forniti dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’Università di Camerino si colloca al secondo posto tra gli atenei statali per finanziamento pro-capite dei ricercatori, preceduta soltanto dall’Università di Ferrara.

Tre sono i progetti che vedono docenti del nostro Ateneo come coordinatori nazionali e riguardano i settori della matematica, della geologia e della farmacia. Questi i progetti: “Modelli e insiemi” coordinato dal prof. Carlo Toffalori, “La deformazione nelle rocce carbonatiche: implicazioni per la caratterizzazione e la modellizzazione dei serbatoi naturali di geofluidi” coordinato dal prof. Emanuele Tondi e “Lenticchie del Centro Italia: purificazione e caratterizzazione di nutraceutici, proteomica e cationi come marker per la tipizzazione” coordinato dal prof. Sauro Vittori.

Questi tre progetti hanno ottenuto in totale un finanziamento di oltre 320.000 euro. Numerosi sono poi anche i docenti Unicam che non sono coordinatori nazionali, ma coordinano unità locali all’interno di progetti finanziati. Anche in questo caso i finanziamenti ottenuti da Unicam sono davvero cospicui e riguardano quasi tutte le principali linee di ricerca di eccellenza dell’Ateneo.

La ricerca dell’Università di Camerino conferma quindi il suo alto valore scientifico, nella convinzione che è proprio grazie alla ricerca e all’innovazione che si rafforza tutto il sistema produttivo del paese.

Serena Valeriani

Google+
© Riproduzione Riservata