• Google+
  • Commenta
10 febbraio 2012

Wecampus: il “new social” promette l’unione universitaria d’Europa

Università Private in Italia
Wecampus

Wecampus

L’invenzione di giovani studenti padovani progetta l’università del futuro con Wecampus: ecco di cosa si tratta.

Mentre le università italiane fluttuano nel mare di dubbi in tema di merito per stabilire se sia più giusto accreditare uno studente per il punteggio o per l’università di provenienza, e mentre intanto l’affidabilità delle nostre università sprofonda nelle classifiche dei migliori istituti del mondo facendo da fanalino di cosa (colpa di parentopoli, secondo quanto rivela il Journal), e indipendentemente da tutto questo, gli studenti dello stivale danno prova di indiscussa intelligenza a tutto il mondo accreditandosi l’ultima rivoluzione universitaria del web : Wecampus.

Wecampus, è uno spazio dalle pareti virtuali condivisibile da tutte le università d’Europa. In modo informale ambisce al coinvolgimento di studenti, docenti, corsi; sperimenta metodi di studio e ricerca differenti, sfalda le differenze linguistiche e di apprendimento e gestisce appunti provenienti da ogni angolo del continente.

Gli inventori si presentano come quattro studenti italiani accomunati da una mission: la condivisione sociale per l’università del futuro liberata dai limiti fisici e dai suoi edifici.

Si tratta di Diego Giorgini, Andrea Pigato , due studenti dell’Università di Padova ai quali si aggiungono Marco Saracino, Silvia Zanatta, entrambi esperti di marketing e new media e Antonio Carpentieri, sviluppatore.

Il progetto, appena nato e ancora poco conosciuto, muoverà passi da gigante grazie soprattutto alla partecipazione dei protagonisti delle università: gli studenti. L’idea si ispira a un principio di innovazione collaborativa che modernizzerà le università convertendole al digitale e rendendo i contenuti disponibili su computer, smartphone, tablet e lettori ebook.

Al fine di divulgare l’efficacia del progetto, oltrepassando l’invenzione e raggiungendo la mission il Manifesto di Wecampus, consultabile sull’omonimo sito, invita studenti e docenti a compilare un questionario allo scopo di intercettare e circoscrivere le priorità dei protagonisti della formazione e dello studio.

Dietro l’invenzione c’è l’esigenza di semplificare e globalizzare l’ università, svestendola delle sue ormai obsolete vesti, rendendola attuale e indistintamente accessibile a tutti con colpi di click, aldilà di ogni gerarchia, almeno agli occhi del web.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy