• Google+
  • Commenta
29 marzo 2012

Laureati in comunicazione, trovare lavoro è più semplice

Alzi la mano il laureato in Scienze della Comunicazione che non si è mai sentito declassare a dottore in “scienze delle merendine”, avvilente conseguenza di un sistema, quello italiano, del tutto privo di consapevolezza dell’importanza che la comunicazione riveste in ogni settore – si pensi alle sue innumerevoli declinazioni: aziendale, istituzionale, pubblicitaria, giornalistica sono solo gli esempi più immediati.

In effetti, esistono davvero tante strade da intraprendere a partire da questo iter formativo, ma non sempre i piani di studio delle università si dimostrano in grado di generare chiarezza sui possibili risvolti del percorso. Una volta uscita dagli atenei, la gran parte dei neocomunicatori è del tutto disorientata o scoraggiata rispetto alle proprie opportunità lavorative.

Con l’obiettivo di dare risposte chiare in questo senso, è nato Comunicazione Lavoro (www.comunicazionelavoro.it), un sito che vuole porsi come punto di riferimento per tutti coloro che si muovono alla ricerca di un’occupazione nel mondo dei media.

Il sito è costruito in modo da rispondere a varie esigenze. Da una parte pubblicare offerte di lavoro provenienti da aziende o enti pubblici, dall’altra formare i fruitori rispetto alle potenzialità dell’ecosistema-comunicazione. E’ questa la ragione per cui alle varie sezioni – Lavoro Comunicazione, Lavoro Web, Lavoro Giornalista – che contengono annunci di lavoro rigorosamente attendibili e verificate, si alternano informazioni e consigli sulle nuove professioni della comunicazione, a cui è dedicata l’intera sezione Aggiornamenti.

Frutto di questa vocazione alla creazione di potenzialità comunicative consapevoli, è “Lavoro web:costruisci il tuo sito per crearti opportunità di lavoro”, l’ebook elaborato dagli amministratori del sito ed edito da Area51 Publishing, con lo scopo di illustrare i segreti delle principali tecniche di informazione online e di web marketing.

Comunicazione Lavoro, insomma, si pone come un vero e proprio faro in un ambiente molto “vissuto”, ma ancora troppo poco conosciuto e valorizzato.

Google+
© Riproduzione Riservata