• Google+
  • Commenta
26 marzo 2012

Primavera anticipata? E’ colpa del PIF4

Il gene PIF4 attivato dalle temperature miti può innescare fioriture anticipate.

E’ quanto ha scoperto un gruppo di ricercatori del John Innes Centre del Norwich Research Park, chiarendo il meccanismo che agisce a livello molecolare nel controllo delle fasi di fioritura.

Generalmente la fioritura viene innescata mediante la produzione di una molecola, il Florigen.

Tale molecola viene prodotta a livello delle foglie ed agisce nel meristema apicale.

La sua produzione  è soggetta alla lunghezza del fotoperiodo (rapporto tra ore diurne e notturne) e all’aumento delle temperature.

Fin dal 1930 si conosce il meccanismo d’azione del florigen legato al fotoperiodo: esistono piante brevidiurne, per le quali la molecola viene prodotta quando la luce diurna dura meno di 12 ore; piante longidiurne, per le quali la produzione  avviene solo se si superano le 12 ore di luce.

Ma ci sono anche piante neutrodiurne, per le quali piuttosto che la lunghezza del giorno, ad essere determinante è la temperatura.

Lo studio pubblicato pochi giorni fa su Nature e condotto dal Dr Phil Wigge chiarisce proprio quest’ultimo aspetto.

Quando l’aria primaverile arriva, nelle piante avviene l’attivazione del gene PIF4, che determina una fioritura accelerata, mediante l’immediata produzione di florigen.

“I nostri risultati spiegano a livello molecolare, ciò che osserviamo nei nostri giardini, appena arrivano le temperature più calde della primavera” sottolinea Wigge che conclude: “ciò spiega anche perché le piante hanno anticipato la fioritura a causa del cambiamento climatico”.

Gli scienziati, alla luce di tale scoperta sperano di poter impedire le fioriture precoci agendo direttamente sul gene di controllo. Infatti quando le piante fioriscono troppo presto, il loro rendimento viene significativamente ridotto e questo, per piante impiegate nell’industria alimentare, è alquanto deleterio.

La comprensione di meccanismi molecolari, come l’attivazione di PIF4, sono importantissime in un epoca di cambiamenti climatici, quella che stiamo attraversando: il controllo della fioritura può tradursi in un controllo della produzione vegetale.

 

Google+
© Riproduzione Riservata