• Google+
  • Commenta
18 aprile 2012

Migliori prestazione mentali e buon umore grazie al rosmarino

Conosciuto fin dall’antichità per le sue proprietà medicinali, simbolo di immortalità per gli Egizi, da sempre apprezzato in cucina, il rosmarino non migliora solo il gusto in tavola ma anche l’umore e le prestazioni mentali.

Lo sostiene un gruppo di ricercatori della Northumbria University che grazie ad uno studio, sono riusciti a dimostrare come il profumo, o l’aroma del comune arbusto, interagisce con il cervello, portando buon umore e aumentando le performance mentali.

Per la loro ricerca gli studiosi hanno impiegato un composto presente in buona quantità nell’ essenza di rosmarino, l’ 1,8 Cineolo, composto che è stato testato su un campione di venti volontari per valutarne gli effetti sull’umore e sulle prestazioni mentali in base all’esposizione di diverse intensità di aroma, mentre a livello fisico per valutare la quantità di cineolo assorbito dai partecipanti si sono stati eseguiti gli esami del sangue.

I risultati dei suddetti test cognitivi, hanno mostrato una correlazione tra la concentrazione di 1,8 Cineolo nel sangue e l’incidenza sull’umore e performance mentali: più alta era la concentrazione di 1,8 Cineolo nel sangue, migliori erano le prestazioni mentali; più debole, ma non indifferente, l’ azione del già citato composto sull’ umore dei partecipanti.

Inoltre, secondo i ricercatori, l’azione di queste sostanze chimiche avviene in diversi percorsi neurochimici in quanto si sono osservate diverse risposte sulle prestazioni mentali e sull’umore in base alla concentrazione di 1,8 Cineolo nel sangue.

L’azione sull’attenzione e sulla vigilanza è risultata minima, «Soltanto la felicità aveva una relazione significativa con i livelli di 1,8-cineolo, e interessavano alcuni dei risultati delle performance cognitive, che porta al suggerimento intrigante che lo stato d’animo positivo può migliorare le prestazioni, mentre l’umore suscitato no», spiega il dottor Moss.

La potente interazione delle molecole aromatiche con il cervello dipende dalla loro capacità di attraversare la barriera emato-encefalica grazie all’ingresso del nel flusso sanguigno dell’1,8 Cineolo tramite la mucosa nasale o polmonare.

Mente e corpo così, sono sorpresi dagli effetti benefici indotti dall’aroma.

Google+
© Riproduzione Riservata