• Google+
  • Commenta
26 aprile 2012

Oxford sprona le donne verso il mondo manageriale

La prestigiosa università di Oxford si tinge di rosa! Ci riferiamo ad una intreressantissima iniziativa dell’ateneo londinese, che vede tra gli obiettivi principali quello di accrescere l’autostima e di abolire vergogne e timori nelle giovani universitarie che sognano di diventare manager.

Il management sistem, sopratutto in Gran Bretagna, è animato da una evidente verve maschilista.  Le donne manager infatti percepiscono, in media, salari inferiori di circa 2/3 mila sterline rispetto agli uomini , fanno parte di un tasso di disoccupazione più elevato e per giunta hanno scarse possibilità di ottenere promozioni e di accrescersi in quest’ambito lavorativo.

Ma probabilmente non sono solo pregiudizio e maschilismo a far registrare questi dati! Il direttore del Career Service oxfordiano, Jonathan Black  ha spiegato che: le ragazze, una volta laureate, hannoreticenza e vergogna nel candidarsi a posti di lavoro nel settore bancario, della finanza, consulenza aziendale, ingegneria e gestione delle risorse.

Insomma, nonostante il talento e una laurea di valore come quella conseguita ad Oxford , alle laureate inglesi manca l’autostima e l’imponenza! Cosi, con l’intento di sopperire a questo disagio e di portare le donne manager al 25 %  entro il 2015 , l’ateneo in questione ha deciso di dare il via a lezioni di assertività. Con queste,  come ha dichiarato il responsabile del progetto: le ragazze impareranno  a sentirsi in grado di concorrere alla stregua degli uomini e a verificare quanto riescono a far rispettare le proprie esigenze in ambienti a elevata competitività.

L’obiettivo del corso nascente è dunque quello di donare alle aspiranti manager un pizzico di determinazione e aggressività che non possono mancare a chi decide di avviarsi in questa carriera. Seminari tenuti da donne di successo e tirocini presso aziende di spessore animeranno queste poche ma succose lezioni, la cui efficienza sarà testata su un campione di 45 ventenni laureande.

Insomma,ha preso il via un vero e proprio praticantato di emancipazione femminile ad Oxford, e speriamo vada a buon fine!

 

Google+
© Riproduzione Riservata