• Google+
  • Commenta
8 aprile 2012

Università Salerno: Informare per crescere

Integrazione e comunicazione, questo il pamphlet dei quattro  servizi video “Il Paese degli invisibili” progettati e realizzati da quattro giovani giornaliste dell’Università di Salerno che sono state scelte per la Spring School “Integrazione e Comunicazione” che si terrà dal 20 al 22 aprile a Roma.

Il progetto Spring School è stato realizzato dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per far fronte al problema comune ma poco sentito delle integrazioni.

Non occorre andare tanto lontano per scoprire le situazioni di marginalità che sussistono nella nostra città di provenienza. L’invisibilità che copre persone non omologate al resto delle masse, l’invisibilità di chi, immigrato produce l’11 % del PIL italiano e non viene riconosciuto perché non cittadino, non votante; l’invisibilità di chi ha preferenze sessuali bollate come “non consone” per una etichetta morale ed etica, il più delle volte manipolata da un credo, che non ha nessuna pertinenza con la realtà; l’invisibilità è dilagante.

Mi trovo spesso a Battipaglia, in un’oretta si possono scorgere quasi tutti i personaggi di un “Mad World” alla Gary Jules: il prototipo di “Trainspotting” , con i suoi anni invecchiati dalle droghe; l’autistica lasciata per strada, che entra nelle macchine per costume di vizio e la vergogna lucida di chi capisce e non può farne a meno; Renzo Tramaglino nelle vesti di senilità (mentale) che fa cappello per sposarsi con chissà chi e abbraccia e bacia i passanti.

C’è un tempo anche per “La Speranza abita qui” a cura di Giorgia Mennuni, sensibile ai senza fissa dimora che a Salerno hanno trovato un appoggio presso la casa dei padri Saveriani.
Il primo posto va a Imma Solimeno con “Prevenzione Invitata speciale“, un video inchiesta sull’inquinamento ambientale dovuto dagli inceneritori. Insomma il classico tema detto e ridetto che ormai non fa gola più a nessuno, ma che in questo concorso è stato giudicato il migliore e probabilmente aprirà ancora un altro fascicolo sulla “soluzione mondezza” che non sia quella di seppellirla – vedi  http://www.youtube.com/watch?v=yhiOi_qQ_54.

Al tema dei rifiuti si associano anche Marina Cavaliere ed Elena Chiara Liguori, autrici di “Rifiuti, la minaccia occulta“.  C’è tempo anche per vedere come lavora l’associazione casertana Jerry Essan Masslo, attraverso il reportage di Marina Cavaliere ed Elena Chiara Liguori in linea con il tema “Il paese degli invisibili” che, almeno per quanto mi riguarda, ha reso conosciuto –almeno più di prima- un’attività di cui non sapevo l’esistenza.

L’associazione casertana si occupa a livello legale e medico le esigenze degli immigrati che, speso clandestini, preferiscono rivolgersi lontano dalle forze dell’ordine e dallo Stato. Gli operatori si occupano di accompagnare nella loro nuova vita coloro che si sono rivolti all’Italia per vivere laddove si sopravviveva e nulla più, li accompagnano con la sartoria, con i colori delle loro terre, con la musica, l’arte, l’alimentazione.

Da soli si va veloce, ma insieme si va più lontano.

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy