• Google+
  • Commenta
19 giugno 2012

Indonesia, La Sapienza scopre un nuovo roditore

“Margaretamys christinae”. E’ questo il nome della nuova specie di roditore scoperta in Indonesia dall’Università La Sapienza di Roma durante la spedizione zoologica nella foresta pluviale dei monti Mekkonga, a sudest di Sulawesii, coordinata da Alessio Mortelliti del dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Charles Darwin”.

Il roditore, di tipo arboreo, non appena scoperto è stato subito inserito nella lista delle specie a rischio. “La presenza di una specie di Margaretamys nei monti Mekkonga –spiega Mortelliticonferma come le montagne di questa isola siano state una importante area di speciazione per i mammiferi. L’isola di Sulawesi, infatti, è tra le zone con il maggior numero di specie endemiche di mammiferi, tutte caratterizzate da areali estremamente ridotti e pertanto a elevato rischio estinzione”.

Un habitat, quello del neo-batezzato topolino minacciato dalla deforestazione.  “La catena montuosa – dice -, in cui vivono moltissime specie endemiche di mammiferi, uccelli, rettili ed invertebrati non è inclusa in nessuna area protetta, ed è pertanto ad elevato rischio di deforestazione”.

Il piccolo muride presenta una particolare conformazione del cranio, colorazione del mantello fulva e grigiastra e coda bicolore. Il nome del mammifero  “Margaretamys christinae”, è stato attribuito dal suo scopritore in onore della compagna Christina Thwaites  che ha condiviso le fatiche dell’avventura in Indonesia.

La specie in questione – continua – si è probabilmente adattata a vivere in un habitat molto particolare, la “Montane rainforest con un range di distribuzione minore di 1000 Km2, ed in virtù ciò è stata proposta come “Endangered – In pericolo” per la lista rossa dei mammiferi dell’IUCN (International Union for Conservation of Nature).”

La spedizione italiana ha confermato anche la sopravvivenza di uno scoiattolo terricolo endemico dei monti Mekkonga, il Prosciurillus abstrusus e di una specie di Maxomys, anch’essa endemica della catena montuosa.

Google+
© Riproduzione Riservata