• Google+
  • Commenta
9 giugno 2012

Laurearsi fuoricorso: in Olanda costa caro!

Il governo olandese ha deciso di introdurre una pesante sazione a carico degli studenti che impiegano troppi anni per laurearsi: a partire dal 2013, infatti, gli universitari olandesi dovranno pagare una tassa di 3.063 euro per ogni anno successivo al primo anno fuoricorso.

Secondo quanto riferito da Halbe Zijlstra, viceministro dell’Istruzione, la sanzione (langstudeerboete, in olandese) è necessaria per far fronte ai pesanti tagli di bilancio alle università; in questo modo, inoltre, gli studenti sarebbero incentivati a scegliere con attenzione il proprio percorso di studi e a laurearsi in tempo.

La reazione degli universitari è stata immediata: le principali organizzazioni studentesche dei Paesi Bassi hanno deciso di fare causa al governo, ritenendo illegale l’applicazione della sanzione nei confronti degli studenti già iscritti all’università. “Il governo vuole cambiare in corsa le regole del gioco – ha affermato Sebastiaan Hameleers, segretario del sindacato studentesco ISO – senza nessun rispetto della legalità e del confronto democratico”.

Secondo uno studio preparato dall’ISO, inoltre, l’introduzione della nuova tassa sugli anni fuoricorso colpirà soprattutto gli studenti disabili e gli studenti lavoratori, che generalmente impiegano più tempo per laurearsi. “Sarà quasi impossibile per gli studenti part-time evitare la nuova sanzione – ha dichiarato Hameleersconsiderando il tempo che essi dedicano al lavoro o alla famiglia”.

I sindacati, dunque, hanno deciso di adire le vie legali per impedire l’introduzione della sanzione o almeno alleggerirne l’importo. La prima udienza del processo si è tenuta lo scorso 21 maggio ed il verdetto finale dovrebbe essere emesso a fine luglio. Nel frattempo, nelle strade e sui social network si è scatenata la protesta degli universitari: la scorsa settimana, più di quindicimila persone sono scese in piazza contro la nuova misura del governo, mentre #langstudeerboete è diventato l’hastag di Twitter più utilizzato nei Paesi Bassi.

Google+
© Riproduzione Riservata