Fav
  • Google+
  • Commenta
2 giugno 2012

Seconda edizione del corso per mediatori civili professionisti: 12 posti ancora disponibili

Le domande di ammissione devono essere presentate entro il 4 giugno. Il corso comincia a giugno e  si articola in 54 ore.

Il Centro Universitario di Mediazione dell’Università degli Studi di Sassari riapre i termini per la presentazione delle domande di ammissione, per titoli, alla seconda edizione del Corso di Perfezionamento per Mediatore Civile Professionista. Sono 12 i posti ancora disponibili. Il termine ultimo per presentare la richiesta di ammissione scade il 4 giugno. In conformità al Decreto Ministeriale 180/2010, il corso avrà durata di 54 ore.

Le lezioni cominceranno a giugno e si concluderanno la prima settimana di luglio. L’intero corso si svolgerà presso i locali del Dipartimento di Giurisprudenza in viale Mancini 5. Il bando e la richiesta di ammissione potranno essere visionati e scaricati dal sito del Centro Universitario di Mediazione dell’Università degli Studi di Sassari (www.uniss.it/cum).

Il corso ha come finalità la formazione di mediatori civili. Si tratta di una nuova figura professionale, introdotta in Italia dal Decreto legislativo n.28 del 2010, che ha regolato l’istituto della mediazione per le controversie in materia civile e commerciale.

Il decreto, all’art. 5, ha reso obbligatorio il tentativo di mediazione in una pluralità di materie, quali responsabilità medica, liti condominiali, circolazione di veicoli e natanti, per citarne solo alcuni, configurando il tentativo stesso come una condizione di procedibilità della domanda giudiziale. L’istituzione del Centro rappresenta quindi la risposta dell’Università a una esigenza professionale e formativa di grande rilevanza. Il mediatore facilita la ricerca di un accordo tra due o più parti di una controversia, consentendo loro di giungere alla soluzione della lite in un termine massimo di quattro mesi, con un costo ridotto e un risultato ottenuto attraverso l’attiva e consapevole partecipazione delle persone in conflitto.

 

Google+
© Riproduzione Riservata