• Google+
  • Commenta
10 giugno 2012

Terremoto: studenti Univr possono ridare l’esame di lingua inglese

Tempo fa ci siamo occupati della triste vicenda che ha coinvolto alcuni studenti dell’Università di Verona che mentre stavano sostenendo un esame scritto di lingua straniera all’interno del Centro Linguistico (Cla) hanno avvertito la scossa di terremoto di magnitudo pari a 5,9 il giorno del 29 Maggio.

Forte, violenta che ha sconvolto tutto il Nord Italia e proprio in quell’occasione molti studenti si sono alzati in piedi per scappare dall’aula e mettersi al riparo, ma sono stati bloccati dalla docente, la quale ha invitati tutti a sedersi e riprendere l’esame, pena il ritiro del compito affidato.

La vicenda ha fatto immediatamente scalpore, a tal punto da far intervenire la direttrice del Cla concedendo a tutti gli studenti una seconda opportunità di rifare l’esame. Tra ansia e paura molti ragazzi si son fatti prendere dallo sconforto e dalla mancanza di concentrazione che li ha portati ad ottenere risultati insufficienti. Da qui l’esigenza di mettere a disposizione una sessione straordinaria per i circa 200 studenti che quel giorno stavano sostenendo un esame.

La direttrice del Cla, Carmen Navarro insieme alla Preside della facoltà di Lingue e Letterature straniere e agli studenti dell’ateneo, indipendentemente dal risultato ottenuto alla prova d’inglese del giorno del terremoto, potranno ripetere la prova la prossima sessione di luglio (accordandosi dapprima con la stessa docente responsabile del precedente esame sostenuto).

Confutabile o meno, la decisione mi sembra un giusto modo di venire incontro agli studenti che, invece di mettersi in salvo durante un momento di panico sono stati “invitati” a rimanere seduti al proprio posto. Col senno di poi, senza ovviamente gravi conseguenze ma solo un grandissimo spavento, almeno gli studenti avranno l’occasione di rifare l’esame con la giusta concentrazione e senza continuamente guardare i neon muoversi.

Google+
© Riproduzione Riservata