• Google+
  • Commenta
7 giugno 2012

Via ad un coordinamento nazionale voluto dall’ateneo veneziano e alla stesura di una “position paper” sul comparto

Un coordinamento nazionale sulla chimica verde e sostenibile è l’obiettivo del convegno organizzato dall’Università Ca’ Foscari dal titolo “Green and Sustainable Chemistry”  in programma venerdì 8 giugno(Aula Baratto Ca’ Foscari e Auditorium S. Margherita).

 

 

Green and Sustainable Chemistry

Venerdì 8 giugno 2012, 9-16

Aula Baratto (9-13)

Auditorium Santa Margherita (14-16)

 

 

CHE COS’E’ LA CHIMICA VERDE?

E’ una disciplina che studia lo sviluppo di prodotti e processi che evitano o minimizzino l’uso e la generazione di prodotti nocivi per la salute umana e per l’ambiente e si cura in particolare di ridurre i consumi e gli sprechi energetici nell’ottica di conservazione delle risorse naturali e di utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

IL CONVEGNO

La prima parte del workshop, introdotta dal rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro e dal ministro dell’ambiente Corrado Clini,  riguarderà le attività europee in corso nel settore. Rappresentanti dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo Economico (OCSE), dell’European Association for Chemicals and Molecular Sciences (CheMS) saranno presenti. Sarà messo in evidenza il coordinamento necessario col Green Growth Knowledge Platform, recentemente istituito in ambito OECD.

 

Nella seconda parte una Tavola Rotonda, organizzata in collaborazione con i ministeri competenti, le università, gli enti di ricerca pubblici e le industrie, tratterà le prospettive dello sviluppo sostenibile ed in particolare della Green Chemistry sia in Italia che nel contesto internazionale. Sarà prodotta una position paper, base per successivi avvenimenti nel campo della ricerca e della formazione.

Sarà curato in particolare il coinvolgimento delle nuove generazioni in queste tematiche fondamentali.

Il Ministero degli Affari Esteri ha accordato il Patrocinio all’evento.

 

Il Workshop è stato organizzato dal prof. Pietro Tundo, Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica, dal dott. Fabio Aricò dello stesso dipartimento e dal dott. Andrea Vavasori, Dipartimento di Scienze Molecolari e nano sistemi.

 

I PARTNER

Nell’ambito del Programma OCSE “Ambiente salute e sicurezza” opera dal 1998 il Working Party on Sustainable Chemistry, che ha tenuto diversi convegni, principalmente in Germania e in Italia.

In questo campo l’Italia, pur avendo organizzato due convegni (Venezia, 1998 e 2001) e disponendo di un eccellente potenziale scientifico e tecnologico, non ha ancora attivato quel coordinamento tra ricerca, università e industria che le consenta di prendere le iniziative che le competono come attore fra i leader del settore.

A tale scopo, l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), che coordina a livello nazionale le attività OCSE nell’ambito del Programma Ambiente, Salute e Sicurezza, insieme all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha voluto riunire intorno a un tavolo tutti i soggetti coinvolti con l’obiettivo di stabilire il coordinamento nazionale sulla chimica verde e sostenibile.

 


Google+
© Riproduzione Riservata