• Google+
  • Commenta
23 luglio 2012

Accordo tra CNR, Poste italiane e Banca del Mezzogiorno-Mcc per la ricerca in Italia

firmato oggi a Roma un accordo tra CNR, Poste italiane e Banca del Mezzogiorno-Mcc, con l’obiettivo di procedere ad un miglioramento e ad un complessivo salto di qualità della ricerca in Italia con un particolare occhio di riguardo al Mezzogiorno.

Molto soddisfatto il Presidente del CNR, Luigi Nicolais, che ci ha tenuto a spiegare quali saranno le principali linee-guida dell’accordo:“Con questo protocollo sperimenteremo una funzionale sinergia pubblico-privato capace di incidere sulle leve della valorizzazione dei risultati della ricerca. In particolare sui tempi, progettando e attivando servizi a supporto delle Pa; sulle risorse, attraverso forme di partneriato e garanzia; sulla diffusione e crescita dell’innovazione nel tessuto produttivo, attivando una capillare rete informativa e di servizi a disposizione dei ricercatori e delle imprese. Sarà possibile accelerare la ripresa economica del Paese solo se i diversi attori dello sviluppo condivideranno strategie e percorsi gestionali capaci di fare emergere e valorizzare le potenzialità e le eccellenze presenti in ogni struttura”.

Parole di grande soddisfazione sono state espresse anche dall’amministratore delegato di Poste Italiane, Massimo Sarmi“Questo accordo permetterà di valorizzare gli investimenti realizzati e di utilizzare al meglio le nostre piattaforme tecnologiche e finanziarie, facilitando anche la nascita e la crescita di start-up, secondo criteri di progresso tecnologico e innovazione sociale. Dunque uno strumento importante per poter sfruttare al meglio, in tempi brevi, le ingenti risorse comunitarie disponibili”. ( Fonte: http://www.dazebaonews.it/italia/item/11822-cnr-poste-italiane-e-banca-del-mezzogiorno-mcc-insieme-per-la-ricerca-e-l%E2%80%99innovazione).

Promozione di eventi, nuovi finanziamenti alle Pubbliche Amministrazioni: ecco i fini dell’accordo per il rilancio della ricerca e dell’innovazione.

 

Fonte immagine: simonavicari.it

Google+
© Riproduzione Riservata