• Google+
  • Commenta
25 luglio 2012

Affittate dai registi le università francesi risanano i conti!

Grazie all’introduzione della legge LRU, che dal 2007 garantisce piena autonomia alle Università francesi, queste ultime sono ad oggi completamente libere di cercare ed attuare  mezzi in grado di garantire nuovi finanziamenti!

Ed è per questo che la Sorbona, la prestigiosissima università parigina, finito l’anno accademico e gli esami si trasforma in un set cinematografico. I produttori attratti dallo stile d’epoca, i marmi e gli arredamenti ricercati dell’edificio sono disposti a pagare ben 19.000 euro al giorno per poter effettuare le riprese nell’ateneo.

Le casse dell’università insomma subiscono rimonte eccezionali se si pensa che una troupe addetta alle riprese di un film ha bisogno almeno di un mese di lavori per montare le attrezzature e girare le scene, e sicuramente non è poca la pubblicità che una pellicola può garantire all’edificio.

Non è un caso isolato però quello dell’Università della Sorbona in quanto l’Università delle Scienze Sociali di Tolosa  è stata scelta dalla televisione, dai registi del telefilm “Nom de code Rose”, prodotto da Luc Besson, il 12 e il 13 luglio scorsi. Circa 30 persone, hanno utilizzato i locali dell’università per depositare le attrezzature e allestire camerini e sale trucco per girare una scena ambientata in un ristorante nelle vicinanze.

E ancora la Paris Pantheon Assas, la facoltà di diritto di Parigi, e l’Università di Angers si danno ugualmente molto da fare per incentivare il bilancio universitario. La prima organizza un master class di 110 ore di corso per 1.600 euro a persona per aiutare a preparare l’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato, la seconda ha scelto di mettere i suoi locali al servizio della ricerca organizzando per dieci giorni un ciclo di conferenze con relatori di fama internazionale in campo medico, farmaceutico e scientifico.

Soldi, soldi, soldi tanti soldi. E con tanti soldi si hanno le università dei pashà!

fonte foto : http://visitbrescello.it

 

Google+
© Riproduzione Riservata