• Google+
  • Commenta
19 luglio 2012

“Consumer rights in the European Union” a Udine

Fino al 27 luglio circa 40 studenti provenienti dalla Danimarca, Lettonia, Paesi Bassi, Regno Unito, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna e dell’Ateneo di Udine partecipano al “Consumer rights in the European Union”, il corso intensivo internazionale organizzato dall’Università di Udine nel polo economico-giuridico dell’Ateneo (Tomadini 30/a, Udine).

Il corso, giunto alla sua quarta edizione, è finanziato dall’Unione europea e si tiene in lingua inglese. L’iniziativa è promossa in collaborazione con la Comillas Pontifical University of Madrid (Spagna), la De Montfort University di Leicester (Regno Unito), la Radboud University di Nijmegen (Paesi Bassi) e le università di Belgrado (Serbia), Copenhagen (Danimarca), Nova Gorica (Slovenia), Riga (Lettonia) e West Timisoara (Romania).

Al centro del percorso formativo si trova il tema della tutela legale dei consumatori nell’ordinamento giuridico comunitario, in particolare le azioni collettive e i metodi stragiudiziali di risoluzione delle controversie. L’iniziativa prevede lezioni, gruppi di lavoro, di discussione e di ricerca, e seminari ad hoc. Il tutto all’insegna della massima interattività tra i giovani aspiranti giuristi e una decina di docenti di rilievo internazionale, esperti nel settore dei servizi pubblici e dei diritti dei consumatori.

«La tutela dei consumatori – spiega la coordinatrice Elisabetta Bergamini, docente di Diritto dell’Unione europea – ha un ruolo fondamentale in un periodo di grave crisi economica come quello attuale, grazie anche alla sempre maggiore conoscenza e consapevolezza che i cittadini europei hanno dei loro diritti».

Proprio recentemente si è parlato all’interno della Commissione per i mercati interni dell’UE della sicurezza per i consumatori di ricevere una risposta definitiva entro 90 giorni dal reclamo e n modo gratuito o a basso costo. Questo servirà a rilanciare il mercato interno soprattutto se si vuole acquistare on line. L’eurodeputato S&D Louis Grech ha dichiarato: «Questo è di fondamentale importanza per i singoli mercati, poichè ci permette di lavorare per un aumento della fiducia sia dei consumatori sia dei commercianti, in particolare per quanto riguarda il mercato online». Oggi, i cittadini non sono adeguatamente protetti quando comprano prodotti in un altro paese, soprattutto quando si presenta un problema. Il deputato ha aggiunto anche: «I cittadini devono avere la sicurezza che acquistare dentro o fuori il proprio paese dà loro diritto ad avere risposte nel caso di eventuali problemi. Questo è ancora più importante oggi con il veloce sviluppo dell’e-commerce, grande stimolo alla crescita in questi tempi di crisi».

Google+
© Riproduzione Riservata