• Google+
  • Commenta
26 luglio 2012

Nuova interrogazione per la Facolta’ di Medicina dell’Universita’ di Salerno

L’on. TINO IANNUZZI, Deputato del PD, ha presentato una nuova interrogazione sulla Facolta’ di Medicina dell’Universita‘ di Salerno e sulla costituzione dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata attraverso la trasformazione dell’Azienda Ospedaliera di Salerno “San Giovanni di Dio e Ruggì di Aragona”.

La creazione dell’Azienda Universitaria e’ necessaria ed indifferibile per completare il processo organizzativo e strutturale relativo alla Facolta’ di Medicina salernitana.
Da piu’ di due anni va avanti un rapporto sterile, improduttivo e senza alcun esito, fra Governo e Regione Campania, per addivenire all’adozione del DPCM richiesto dalla legge per la costituzione dell’Azienda. Infatti il primo protocollo di intesa fra Universita’, Regione ed Azienda Ospedaliera per la costituzione dell’Azienda Universitaria e’ stato addirittura stipulato fin dal 7 gennaio 2010!
Si e’ cosi’ determinata una situazione assurda, ingiustificata e paradossale; situazione divenuta ancor piu’ grave in questi giorni.
Infatti, a conclusione del corso di studi di sei anni (iniziato nel 2006) ed a completamento di tutte le didattiche,assistenziali e di approfondimento clinico del Corso, hanno conseguito la Laurea in Medicina i primi 16 iscritti all’Ateneo Salernitano.
Ancor di piu, quindi, la costituzione dell’Azienda Universitaria e’ un atto dovuto. Ogni altra questione deve essere affrontata separatamente e, comunque, con un “tavolo” convocato ad horas e chiamato a risolvere finalmente i problemi esistenti con massima tempestivita’.
Non debbono, né possono essere confuse questioni ben diverse: da un lato la costituzione dell’Azienda Universitaria completando il procedimento con il DPCM finale; dall’altro la organizzazione e la programmazione delle strutture ospedaliere che concerne la Regione e l’Azienda Ospedaliera.
Il Presidente Caldoro non puo’ continuare a seguire la vicenda, come ha fatto in questi due anni, in modo “burocratico”, inadeguato e debole, senza mai impegnarsi con tutta la determinazione che impone una vicenda di cosi’ grande rilevanza per la Regione Campania. Occorre porre la parola fine allo scambio infinito di carteggi mai risolutivi fra Santa Lucia ed il Ministero, con una situazione di forte pregiudizio ed assoluta gravita’ per la nuova Facolta’, per gli studenti, per i docenti e per l’intero territorio.
Giustamente l’Universita’ di Salerno, con il Rettore Pasquino, ha inoltrato atto di diffida e messa in mora nei confronti della Regione e dei tre Ministeri competenti per la immediata adozione del DPCM, anche attraverso l’intervento del Giudice Amministrativo.
Il Governatore Caldoro finalmente deve intervenire per sbloccare la vicenda, attraverso un confronto stringente con il Ministro della Salute Balducci: basta con ostacoli burocratici e rinvii irresponsabili. E’ ora, invece, di approvare subito il DPCM, per scongiurare conseguenze fortemente negative per la Facolta’, che, invece, puo’ e deve conquistare una posizione di prestigio nel panorama universitario del nostro Paese.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy