• Google+
  • Commenta
26 agosto 2012

Il sole fa bene, lo testimonia una specie di coleotteri

Estate, sole , continue avvisaglie sui danni che l’eccessiva esposizione al sole può provocare, ma ci sono degli organismi animali che del sole hanno fatto una vera e propria medicina.

Gli scienziati della Simon Frase University hanno scoperto una specie di insetti in grado di sconfiggere i germi, grazie all’esposizione al sole.

La ricerca è stata pubblicata su  Entomologia Experimentalis it Applicata, proprio questo mese.

I protagonisti dello studio sono dei coleotteri che vivono in gruppo e che hanno l’abitudine di fare lunghi bagni di sole.

Si tratta, precisamente della specie Boisea rubrolineata che si nutre prevalentemente di foglie e frutta, quali pesca ciliegia,prugne.

Gli scienziati hanno infatti potuto constatare che proprio durante l’esposizione al sole, producono dei monoterpeni, dal forte profumo che uccidono i batteri, che normalmente proliferano sulla superficie del  loro corpo.

Inizialmente si pensava che queste sostanze prodotte dai coleotteri avessero un ruolo nella riproduzione o nella difesa dai predatori come elemento di richiamo o di allarme, quindi.

In realtà la produzione dei monoterpeni avviene solo durante l’esposizione al sole, indipendentemente dalla presenza di individui di sesso opposto o di possibili predatori.

Secondo i ricercatori, la luce solare attiva la biosintesi dei composti. I prodotti chimici poi fisicamente racchiudono le spore fungine sulla superficie del corpo degli insetti e innescano una catena di eventi che alla fine li proteggono dalla penetrazione di germi.

Il fenomeno risulta molto interessante: non si conoscono altri insetti  in grado di sfruttare l’energia solare per la biosintesi , senza l’intervento di qualche batterio simbionte.

Questo dimostra quanto ancora poco sappiamo degli insetti.

Immagine tratta da http://www.bugguide.net

Google+
© Riproduzione Riservata