• Google+
  • Commenta
31 agosto 2012

Novità scolastiche per gli studenti francesi

In Francia il sistema scolastico è gestito in modo diretto dal Ministero della Pubblica di Istruzione sulla base di valori laici,con riforme e rinnovamenti che si sono succeduti nel corso dei decenni.Il sistema scolastico francese presenta note differenze rispetto a quello italiano già solo pensando alla durata degli studi,infatti l’istruzione è obbligatoria dai 6 ai 16 anni.

I bambini frequentano la scuola materna fino a 6 anni, la scuola elementare fino agli undici poi intraprendono la strada del Collège (e non delle medie a differenza dell’Italia), che dura 4 anni. Dai 15 anni anni in poi iniziano le varie specializzazioni.

Anche in fatto di pause e di organizzazione negli istituti il sistema francese cambia,i l Collége infatti prevede un orario che varia dalle 27 alle 30 ore settimanali, mentre la scuola primaria per i bambini dai 3 ai 10 anni ha ridotto le ore,alcune scuole restano aperte soltanto quattro giorni alla settimana. Per quel che riguarda la scuola superiore in Francia ci sono 5 giorni di lezione a settimana, per un totale di 36 settimane, circa 160 giorni ad anno scolastico.

Anche le pause sembrano essere gestite meglio, per loro infatti non esistono i tre mesi di vacanza estiva come in Italia. Ogni 6-7 settimane di scuola ci sono due settimane di vacanza, con l’obiettivo di ottenere dagli alunni il massimo del rendimento. Al posto dei trimestri o quadrimestri, ci sono cinque periodi di circa 7 settimane ciascuno.

Sembra un ottima organizzazione scolastica,ma per il ministro dell’Istruzione francese Vincent Peillon non basta,egli infatti ha annunciato alcune novità mercoledi nella conferenza stampa.L’obiettivo? un miglior apprendimento e a sentire alcuni esperti di cronobiologia si è deciso di  introdurre una pausa pranzo di almeno 90 minuti, le lezioni saranno di 4 massimo 5 giorni a settimana , vacanze più corte ma meglio distribuite.

Anche le materie saranno distribuite in modo attento,secondo la prima stesura del progetto la mattinata sarà riservata alle materie fondamentali (francese o matematica) e le lezioni si interromperanno prima nel pomeriggio, lasciando ai ragazzi spazio per le attività artistiche e sportive.

I giovani francesi non possono far altro che aspettare,tutto ciò entrà in vigore dall’anno scolastico 2013,magari se i francesi trarrano dei benefici da questo progetto potrebbe farci un pensierino anche il Ministro dell’Istruzione italiano.

 

Fonte della foto: www.esteri.it

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy