• Google+
  • Commenta
31 agosto 2012

Pensieri da T-shirt 2.0

Da sempre indumento comodo e pratico, a fasi alterne di moda o no, la T-shirt torna in voga come T-shirt 2.0.

Figlia degli status dei social network, è veicolo di informazione ed espressione personale: vi si stampano scritte di ogni tipo, rispondenti all’umore, alle emozioni, ma anche ai desideri, alle esigenze, fino agli aforismi e alle parole più impensabili.

Vere e proprie “magliette parlanti“: slogan e frasi ad effetto sembrano avere la necessità di essere sfoggiate sui modelli e i colori più diversi. Raccontano storie di ogni tipo, dall’amore alla politica, dalla musica alla moda, l’importante è indossarle.

Tendenza confermata anche dalle star di Hollywood, da Britney Spears a Jared Leto a Kate Beckinsale, esibitesi in t-shirt divertenti, dissacranti o metafisiche, facili strumenti di trasmissione di personalità che, in questi casi, sfruttano la popolarità per rivelarsi.

Si parla forse di una nuova forma di comunicazione? In effetti, adatte sia al giorno che alla notte, capaci di adeguarsi a qualsiasi contesto ed evento, le t-shirt 2.0 possiedono un’incredibile potenziale comunicativo, caratterizzato in particolar modo dall’immediatezza del messaggio. Il mittente, infatti, il più delle volte si ritrova a trasmettere il proprio messaggio da un livello di inconsapevolezza comunicativa, inattiva esclusivamente nell’atto della scelta della t-shirt.

Consentono così una fruizione passiva, inevitabile e potenzialmente infinita di opinioni e pensieri, dando spazio alla propria creatività.

Indossa una t-shirt, e ti dirò chi sei.

 

Immagine tratta da:  www.maglietta-tshirt.info

Google+
© Riproduzione Riservata