• Google+
  • Commenta
1 settembre 2012

All’Unisa il prestigioso convegno internazionale “Rethinking Stravinskij”

È dedicato al grande Igor Fëdorovič Stravinskij (1882-1971) il convegno in preparazione all’Università degli Studi di Salerno. Il convegno internazionale “Rethinking Stravinskij. Sounds and Gestures of Modernism“, previsto dal 26 al 28 settembre 2012, si terrà presso il Campus Universitario di Fisciano dell’Unisa e la sede della Fondazione Filiberto Menna.

L’evento intende ripercorrere le varie fasi dell’opera nutritissima e multiforme del maestro russo passato alla storia come compositore di musica per balletti- come quella scritta per L’uccello di fuoco, Petruška o La saga della primavera, che ha rivoluzionato il mondo stesso del balletto-, per l’Opera e il Teatro, per l’esecuzione orchestrale, per pianoforte e per cori.

Anche l’interesse molto vivo di Stravinskij per la teoria musicale e la sua produzione saggistica occuperanno un posto di non minore rilievo nei lavori del convegno.

L’organizzazione del convegno è a cura dell’Università di Salerno e del Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini (Lucca/Pistoia), in collaborazione con Facoltà di Lingue e Letterature Straniere (Salerno), la Fondation Igor Stravinsky (Genève), la Fondazione Marino Marini (Pistoia), la Fondazione Filiberto Menna (Salerno), l‘Observatoire interdisciplinaire de création et de recherche en musique (Montréal).

Fulvia Morabito (Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini, Lucca), Michela Niccolai (Université de Montréal – OICRM), Renato Ricco (Università degli Studi di Salerno), Massimiliano Sala (Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini, Pistoia) hanno radunato per l’occasione un nutrito e prestigioso comitato scientifico formato da studiosi internazionali e un ricco programma (scaricabile qui) di interventi che si articola per tre giorni, dalle 9.00 alle 20.00 circa.

Keynote speakers saranno Rosamund Bartlett (Oxford), Jonathan Cross (University of Oxford), Gianfranco Vinay (Université Paris 8). Si comincia il 26 settembre presso l’aula 6 presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere a Fisciano.

La I giornata si focalizzerà sulla musica composta da Stravinskij per il balletto e sul modernismo nell’interpretazione del maestro russo:  parteciperanno Giovanni Guanti (Università degli Studi Di Roma 3), Michael Christoforidis (The University Of Melbourne, Australia), Germán Gan-Quesada (Universitat Autònoma de Barcelona), Tatiana Baranova Monighetti (Basel), Susanna Pasticci (Università degli Studi Di Cassino E del Lazio Meridionale).

La II giornata, il 27 settembre, prevede lo spostamento del convegno presso la sede della Fondazione Menna (Salerno). Tema del giorno sarà lo studio del gesto, dell’immagine e della visualizzazione nell’opera di Stravinskij e in generale sul rapporto del maestro russo con il teatro.

Interverrano Nicholas P. McKay (University of Sussex, UK), Antony Desvaux (Université Paris 8 – EDESTA), Bogumila Mika (University Of Silesia, Katowice, Polonia), Roberto Calabretto (Università di Udine, D.A.M.S.), Margarita Mazo (Ohio State University), al mattino.

L’intervento di Stefania Zuliani (Università Degli Studi Di Salerno / Fondazione Filiberto Menna) chiuderà la sessione mattutina del convegno con uno studio sul rapporto tra Stravinskij e Marini. A seguire, sarà possibile visitare una mostra allestita per l’evento in collaborazione con la Fondazione Menna e con la Fondazione Marini.

Nel pomeriggio, i lavori riprenderanno con le relazioni di Katerina Levidou (University of Lausanne), Julien Ségol (École des Hautes Études en Sciences Sociales, CRAL/EHESS, Paris), Claire Paolacci (Paris), Michela Niccolai (Université de Montréal – OICRM), Massimiliano Locanto (Università degli Studi di Salerno), Rosanna Giaquinta (Università degli Studi di Udine).

La Fondazione Menna ospiterà anche la III e ultima giornata di convegno, quella del 28 settembre, dedicata all’attività di Stravinskij saggista e teorico della musica, per la sessione mattutina. Quella pomeridiana sarà invece consacrata al rapporto di Stravinskij con gli altri compositori e in generale con la teoria dell’arte: avranno in particolare spazio il rapporto di Stravinskij con Sergej Prokofiev e con Paul Verlaine.

Interverranno, nella prima sessione, Maureen A. Carr (Penn State University), Philip Ewell (Hunter College, The City University of New York), Wai Ling Cheong (The Chinese University, Hong Kong), François De Médicis (Université de Montréal – OICRM), Mark McFarland (Georgia State University, Atlanta, GA), Kimberly A. Francis (University of Guelph, Ontario, Canada).

Chiuderanno definitivamente i lavori del convegno gli studi di Stephen D. Press (Illinois Wesleyan University, Lincoln, IL), Andrei Chichkine (Università degli Studi di Salerno), Antonio Rostagno (Università di Roma ‘La Sapienza’), Gesine Schröder (University for Music and Theatre ‘Felix Mendelssohn Bartholdy’, Leipzig), Annalisa Pizzurro (Università degli Studi di Napoli ‘L’Orientale’) e Daniela Tortora (Conservatorio ‘S. Pietro a Majella’ di Napoli / Università di Roma ‘La Sapienza’), Danick Trottier (Université de Montréal – OICRM).

fonte notizia: Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini, unisa.it

fonte immagine: artsmeme-images-istarnet.com

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy