• Google+
  • Commenta
14 ottobre 2012

Cagliari, ELSA: una associazione studentesca in continua evoluzione

L’ELSA, acronimo di “European Law Students’ Association”, è la più grande associazione di studenti di giurisprudenza che esiste in Europa e una delle più grandi nel mondo.

Il 4 maggio 1981 alcuni studenti tedeschi, ungheresi, austriaci e polacchi decisero di fondarla, e da allora la sua attività si svolge attraverso le diverse sezioni locali.

Una di queste è presente anche a Cagliari e oltre a vantare un buon numero di iscritti si prefigge obiettivi di carattere didattico e pratico utili agli studenti e ai neolaureati in giurisprudenza.
Riportiamo di seguito l’intervista al ott. Enrico Schintu, responsabile per le relazioni esterne dell’associazione con sede nel capoluogo sardo.

Dott. Schintu ci può descrivere l’Elsa?

«L’Elsa è una associazione di studenti universiatari di giurisprudenza e di giovani giuristi, cioè di coloro che sono laureati da non oltre cinque anni e si propone come obiettivo di integrare gli studenti di giurisprudenza a livello internazionale, in paricolare europero, per poter conoscere meglio le diverse realtà culturali all’interno dell’unione europea.»

Quando è nata a livello internazionale e quando è nata la sede di Cagliari?

«A livello internazionale è nata nel 1981, l’anno scorso abbiamo festeggiato i trent’anni di attività ottenendo vari riconoscimenti a livello europeo. L’Elsa Cagliari è presente dal 1993 e sul piano nazionale siamo una delle sedi più datate.»

Di quali attività si occupa?

«Si occupa di quelle attività che uno studente universitario non può conoscere basandosi in maniera esclusiva sullo studio. In particolare noi facciamo i COP (colloqui di orientamento professionale), che sono quelle attività alle quali invitiamo dei professionisti come avvocati, magistrati e notai che spiegano come uno studente può arrivare agli obiettivi che si prefigge se intende intraprendere una di queste professioni. Facciamo delle competizioni a livello nazionale, nelle quali gli studenti si mettono in gioco e si organizza un vero e proprio processo simulato, organizziamo seminari e conferenze, per colmare quello che in riferimento alla pratica l’università non ci può dare. Abbiamo, inoltre, la possibilità di fare gli STEP che sono dei tirocini parzialmente retribuiti che si svolgono all’estero, e i PIT che sono tirocini a livello nazionale, e dei gruppi di ricerca, che si concludono di solito con una applicazione. A livello universitario è difficile trovare studenti che abbiano già qualche pubblicazione giuridica inserita nel loro curriculum.»

La vostra finalità è quindi fruire la pratica di quello che si studia?

«Si, abbiamo come finalità quella di fornire agli studenti universitari quella marcia in più, facendo capire loro che il nostro mondo non è fatto solo di studio delle norme ma anche e soprattutto di pratica.»

Ci sono al momento delle iniziative che state portando avanti?

«In questo periodo autunnale abbiamo intenzione di fare un COP sull’avvocatura, uno sulla magistratura e uno sulle varie professioni alternative, altre due conferenze e un processo simulato. Questo il programma sino a dicembre, ma anche per l’anno prossimo abbiamo in programma iniziative simili a queste, insieme a dei viaggi studio.»

Quali sono gli obiettivi dell’associazione per il futuro? Avete qualche iniziativa o qualcosa che vorreste attuare nel cassetto?

«Noi come ELSA Cagliari ci poniamo come obiettivo di fare conoscere la nostra associazione agli studenti, in modo da potere uscire dall’università con qualche competenza in più, in riferimento alle potenzialità della associazione stessa a riguardo. Le aziende apprezzano l’esperienza in ELSA, sia a livello nazionale sia a livello internazionale.»

Questi in sintesi i programmi dell’ElSA Cagliari, una associazione studentesca che si innova al passo con i tempi cercando di soddisfare le esigenze degli studenti.

fonte foto

 

Google+
© Riproduzione Riservata