• Google+
  • Commenta
3 ottobre 2012

Progetto Multiasse “Reti per l’Alta Formazione”

Venerdì 5 ottobre a partire dalle ore 10.30, presso l’Auditorium dell’Università degli Studi dell’Aquila (ex Reiss Romoli – Via Giovanni Falcone, 25 – Coppito AQ), si svolgerà il Convegno P.O. FSE Abruzzo – Progetto Multiasse “Reti per l’Alta Formazione”, alla presenza del Magnifico Rettore dell’Ateneo prof. Ferdinando di Orio, del Presidente della Regione Abruzzo dott. Giovanni Chiodi e dell’Assessore regionale alle Politiche Attive del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche sociali, avv. Paolo Gatti.

Il Convegno illustrerà i risultati raggiunti dall’Ateneo aquilano nell’ambito del Progetto Regionale speciale Multiasse “Reti per l’Alta Formazione” – Progetto attuativo del Protocollo di Intesa tra Regione Abruzzo e Comitato di Coordinamento delle Università Abruzzesi – P.O. F.S.E. Abruzzo 2007-2013 – Ob. CRO – Piano Operativo 2009-2010-2011.

Il progetto ha avuto molteplici obiettivi:

  • rafforzare le competenze dei giovani ricercatori che operano negli Atenei abruzzesi e consentire a molti di loro di seguire percorsi di alta formazione, in particolare nell’ambito dei 28 dottorati di ricerca attivi nell’ateneo aquilano;
  • fornire un sostegno tecnico e scientifico alle PMI della Regione Abruzzo mediante un’azione sinergica di giovani laureati e docenti delle Facoltà tecnico-scientifiche,  l’organizzazione di un master sulla proprietà intellettuale e sul trasferimento tecnologico, la realizzazione di una business plan competition fra start-up create da giovani laureati in discipline tecnico-scientifiche nonché di un incubatore virtuale;
  • incrementare  il numero di laureati nelle discipline tecniche e scientifiche;
  • incrementare e rafforzare i rapporti di collaborazione scientifica fra gli Atenei abruzzesi, in particolare quello aquilano, e prestigiose Università e centri di ricerca di tutto il mondo.

Nell’ambito del Convegno saranno dettagliate le azioni intraprese per il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Progetto illustrandone anche le peculiarità metodologiche.

 

Fonte Foto

Google+
© Riproduzione Riservata