• Google+
  • Commenta
1 novembre 2012

Dove finiscono tutti i nostri risparmi?

Secondo un sondaggio effettuato dall’ ACRI in collaborazione con la banca d’Italia, gli italiani, notoriamente popolo di formichine, avrebbero finito tutti i loro risparmi.

Il risparmio privato, che fino a un anno fa ammontava a più del 17% del reddito nazionale, si sta sempre più assottigliando. Colpa di una crisi ancora troppo presente che ci costringe a far fede a quei soldini che con tante speranze ognuno di noi conserva per spendere successivamente in sfizi e vizi.

In Italia, il risparmio privato, è fortemente in calo, dicono gli esperti. Per sopperire alle continue spese e limitare i danni dovuti alla crisi, le famiglie attingono al così famoso salvadanaio.

Ma parliamo in cifre: quattro famiglie su dieci spendono tutto ciò che guadagnano e il numero di famiglie che dichiarano di riuscire a risparmiare, dall’ altr’anno è scesa dell’8%.

In occasione della ottantottesima giornata del risparmio indetta oggi dall’ ACRI, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (come si può leggere sul sito), invia un telegramma esprimendo la suo opinione al riguardo: «Il senso di insicurezza dei risparmiatori va combattuto anche attraverso interventi diretti a rafforzare la protezione del risparmio e accrescere la fiducia nei mercati», dichiara. E poi rassicura:«Un contributo decisivo in tale direzione verrà dal perfezionamento delle iniziative dirette a garantire , oltre il miglioramento delle regole del sistema finanziario, un più elevato grado di stabilità dei mercati finanziari e creditizi nell’area dell’euro e nell’Unione europea

Nonostante tutto, la propensione al risparmio tipica del popolo italiano, non sembra essersi estinta del tutto. Il 47% degli italiani non riesce a non risparmiare, perché questo è sinonimo di mettersi al sicuro in vista di eventuali periodi economicamente peggiori.

E allora non resta che cercare di non metter mano al “porcellino” e tirare la cinghia ancora un po’.

 

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata