• Google+
  • Commenta
29 novembre 2012

Festivaltube: il nuovo canale Youtube del Festival del cinema di Roma – intervista

Quando si parla di giovani e lavoro, di innovazione, di nuove tecnologie… ecco un esempio concreto e innovativo di un progetto realizzato dai neolaureati di Scienze della Comunicazione della Sapienza di Roma e in particolare di coloro che hanno frequentato il Master di Roberto FaenzaCinemaster“. Sto parlando del nuovissimo canale Youtube dedicato al Festival Internazionale del Film di Roma chiamato appunto FestivalTube.

Il regista italiano ha spiegato cos’è questo canale a Repubblica: “Vuoi per la crisi economica e per un sistema occupazionale che per lo più non premia e neppure cerca, ci sforziamo di cercare noi occasioni di impiego. Ecco da dove nasce l’idea di lanciare questo nuovo canale, che abbiamo chiamato The FestivalTube, al momento finanziato solo dall’università, con l’ambizione, se l’esperimento andrà bene, di trasformarsi in un canale permanente di cinema. – E la cosa più importante – Venticinque nostri laureati, pagati ognuno mille euro per 8 giorni di lavoro durante il Festival di Roma, saranno affiancati da 25 studenti-stagisti. Avremo 4 troupe mobili, 4 postazioni di montaggio, quattro conduttori, due reporter per crerare un diario quotidiano dall’interno del festival, e un gruppo di esperti del web e webdesigner“.

 

Per  il coordinamento del progetto  la direzione YouTube rientra nel merito di Luca De Dominicis, intervistato durante il festival.

In buona sostanza l’idea nasce all’interno del Cinemaster, laboratorio creato da Roberto Faenza presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione per avere una visione reale del Festival completo, sui new media e sulle possibilità che hanno, nella fattispecie su Youtube. Quindi abbiamo presentato il progetto a Marco Muller, direttore del Festival Internazionale Film di Roma, che si è dimostrato entusiasta e ci ha dato una grandissima mano. Il progetto consiste nell’avere un canale Youtube ufficiale del Festival che copra in tempo reale tutti i principali avvenimenti, quindi con 5 format differenti: sul red carpet, le interviste alle star, le anteprime stampa e tutto quello che accade come vita del Festival, presentato in un modo Youtube oriented, quindi più giovane, più diveretente, puntuale”.

Alla domanda circa  il suo contributo in prima persona alla realizzazione del progetto: “Alle nostre youtube star abbiamo anche affiancato dei giornalisti professionisti, nella fattispecie Paolo Zelati di Moviesushi e Marco Chiani caporedattore di Cinemonitor, quindi una redazione importante. Abbiamo dato quindi competenza cinematografica e anche divertimento: abbiamo scelto delle youtube star molto valide come Barbie Xanax, Roberto Pagnotta, Victor Laszlo per far sì che gli spettatori possiedano uno spettro molto più ampio. Il successo è ottimo: siamo a più di 8000 views a a poco più di una settimana e hanno parlato di noi tantissime testate, da Le Monde di Parigi al Corriere della Sera, a Repubblica e La Stampa” … e per i ragazzi coinvolti? “Dunque, io ho dato delle linee autoriali, impalcature generali, poi ogni format è stato affidato ad un autore del Cinemaster, quindi è un progetto veramente univesritario in cui ogni studente del Cinemaster si è applicato nello svolgimento del format, quindi da autore di ogni puntata, le riprese, fino al montaggio, quindi è una sorta di vero lavoro sul campo. E’ stata un’esperienza bellissima e oltre ai ragazzi del Cinemaster alle riprese e al montaggio ci sono anche i ragazzi del Telelab di Scienze della Comunicazione, quindi è tutto fatto in modo unioversitario, ma anche in modo molto professionale”.

Forse sarà per questo che l’esperimento è andato così bene, ottenendo moltissime views, grande visibilità sui social network e tanto risalto sui maggiori media d’informazione del mondo. Il futuro ai giovani!

Google+
© Riproduzione Riservata