• Google+
  • Commenta
22 novembre 2012

Simona Barone di Panta Rei sulle elezioni all’Università di Salerno

Intervista a Simona Barone di Panta Re
Intervista a  Simona Barone di Panta Re

Intervista a Simona Barone di Panta Re

Intervista a Simona Barone sulle elezioni all’Università degli Studi di Salerno: quando ci sono e perchè votare l’associazione Panta Rei.

Il conto alla rovescia ormai è agli sgoccioli e, dopo la consegna delle liste dei candidati alle prossime elezioni di rappresentanza studentesca del 4 e 5 dicembre, le associazioni scendono in campo per farsi conoscere tra gli studenti e renderli partecipi dei loro progetti, di cosa c’è dietro ogni associazione, dei loro obiettivi e della loro voglia di fare per avere un’università migliore a misura di studente.

Dopo aver sentito l’Aisfa, il Faro e l’Alf è il momento di dare spazio ad un’altra associazione. Attraverso le parole di Simona Barone, portavoce e rappresentante dell’associazione, conosciamo meglio Panta ReiSimona, parlaci di com’è nata l’Associazione che rappresenti.

«L’associazione Panta Rei nasce nel 2005 dalla volontà di una decina di amici al fine di difendere il diritto allo studio e di rappresentare al meglio gli studenti  soprattutto quelli collocati nelle fasce più deboli».

Simona Barone racconta di quali sono le attività principali di Panta Re

«L’associazione ha la funzione principale di HELP DESK in quanto quotidianamente siamo punto di riferimento per gli studenti di tutte le facoltà; cerchiamo, infatti, di trovare soluzioni ai problemi di natura burocratica e amministrativa che possono colpire qualsiasi studente. L’associazione Panta Rei inoltre si occupa dell’ organizzazione di convegni che rilasciano CFU di tipo “A” e “D”  per la facoltà di giurisprudenza e CFU per la Facoltà di Scienze della Formazione. Cerchiamo di organizzare anche attività che hanno una valenza nel mondo del lavoro come il corso di “Scrittura e lettura linguaggio Braille” patrocinato da Anpas Campania e Basilicata e il corso BLSD (Basic Life Supported Defibrillation) riconosciuto dall’IRC (International Resuscitation Council). Infine l’associazione mette a disposizione il servizio di internet point usufruibile da tutti gli studenti».

A breve ci saranno le elezioni universitarie. Come vi state muovendo in questo senso?

«Come sempre con l’impegno e la passione che ci contraddistingue. Non a  caso partecipiamo alle elezioni studentesche puntando ad eleggere il maggior numero di rappresentanti  per difendere al meglio il diritto allo studio».

Già avete deciso chi saranno i vostri candidati?

«Si, sono circa una settantina ma li saprete solo il giorno delle votazioni. Per il momento vi possiamo dire che tra i candidati abbiamo Francesco Novi già consigliere degli studenti alla facoltà di lingue e letterature straniere ora candidato al senato accademico con la lista “NOI UNISA” e Liberto Landi, candidato al comitato universitario per lo sport (CUS) ».

Progetti per migliorare università e vita degli studenti per Simona Barone

«Il nostro obiettivo è quello di incrementare il fondo per le borse di studio e aumentare il numero dei posti per il part time che è una risorsa fondamentale per gli studenti che necessitano di supporto. In secondo luogo puntiamo a migliorare la didattica aumentando gli appelli e cercando di non sovrapporre le date di esame. Infine cercheremo di rendere il rapporto studente-rappresentante il più diretto e trasparente possibile».

Spesso, coloro i quali fanno parte di queste Associazioni universitarie vengono accusati di protagonismo, di voler entrare a far parte delle istituzioni universitarie solo per un proprio tornaconto personale. E spesso si tratta di studenti che sono anche diversi anni fuori corso. Cosa rispondi?

«La nuova legge non permette agli studenti al secondo anno  fuori corso di candidarsi alle elezioni studentesche. Per quanto riguarda il tornaconto personale possiamo dire che il regolamento prevede che la rappresentanza sia rinnovata periodicamente e non permette quindi di esercitare un potere personale a lungo termine. L’associazione Panta Rei è totalmente apartitica per cui i nostri soci e i nostri candidati sono semplici studenti con la passione di mettersi al servizio dei colleghi senza alcuna imposizione né secondo fine personale».

Dalle parole di Simona Barone, possiamo capire come tutti gli associati si adoperino al massimo per dare agli studenti tutto ciò che gli spetta.

Nel frattempo un in bocca al lupo a tutti i ragazzi di Panta Rei che hanno deciso di candidarsi alle elezioni di rappresentanza studentesca d’ateneo di quest’anno e vi rimandiamo all’appuntamento con la prossima associazione.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy