• Google+
  • Commenta
5 dicembre 2012

UniPi – Dalla Regione Toscana 1 milione di euro per favorire la mobilità Erasmus

Università di Pisa  – C’era anche una delegazione di studenti Erasmus dell’Università di Pisa all’incontro con il presidente Enrico Rossi organizzato martedì 4 dicembre nell’ambito della giornata “Muoversi”, promossa dal progetto Giovanisì della Regione Toscana come momento di confronto e occasione per sottolineare gli impegni che la Regione Toscana vuole assumersi in relazione al programma di mobilità europea.

Nel corso dell’incontro Enrico Rossi ha annunciato la decisione di impegnare circa 1 milione di fondi regionali per arricchire le borse di studio dei giovani toscani che parteciperanno all’Erasmus a partire dal 2013.

Sono moltissimi (1.173 giovani in Toscana, quasi 20.000 in Italia nell’anno accademico 2010-2011) gli studenti universitari che chiedono di “andare in Erasmus”, ossia di trascorrere una parte del loro periodo di studio in un istituto di istruzione superiore di un altro paese.

La Regione si è impegnata ad aiutare gli studenti che per le loro condizioni economiche non possono permettersi questa avventura, dando loro la possibilità di seguire corsi e preparare la laurea all’estero, con la garanzia del riconoscimento del periodo di studio e degli esami sostenuti.

Questo perché il contributo UE previsto per la mobilità di studio è esiguo, 230 euro mensili che salgono a 500 euro nel caso della mobilità per tirocinio.

Nel corso dell’incontro si è anche parlato di una nuova collaborazione con le istituzioni che in Toscana partecipano al Programma, attraverso la prossima firma di un protocollo per l’istituzione di un tavolo permanente volto a promuovere il tema della mobilità tra i giovani.

Inoltre la Fondazione GaragErasmus (www.garagerasmus.org) ha lanciato l’applicazione web ‘Check-in Europe’, che ha l’obiettivo di riunire il maggior numero di ex erasmus in Europa. L’applicazione in versione beta è stata presentata al Parlamento Europeo il 5 novembre scorso e ha ottenuto il supporto della Commssione Europea e del Parlamento Europeo. Il presidente Rossi è stato il primo a fare il “check-in” e quindi ad aderire alla rete.

La delegazione pisana era formata da 16 persone, fra le quali alcuni giovani professionisti e ricercatori che hanno fatto un’esperienza Erasmus in passato, studenti Erasmus stranieri che studiano a Pisa quest’anno, e studenti pisani che hanno già fatto o che faranno in primavera un’esperienza Erasmus di studio o di tirocinio.

Hanno partecipato anche la  Alessandra Guidi, e Katherine Isaacs, docente dell’Università di Pisa e ambasciatrice Erasmus per l’Italia, che si è iscritta all’applicazione come prima tra i suoi “colleghi” europei.

Google+
© Riproduzione Riservata