• Google+
  • Commenta
21 gennaio 2013

Finanziamenti Comunità Europea – Cà Foscari collabora con i comuni

Università Cà Foscari Venezia – I Comuni di Roncade e Quarto d’Altino fanno squadra con la Fondazione Università Ca’ Foscari di Venezia per accedere ai Finanziamenti Comunità Europea stanziati da investire nella promozione del territorio.

Stamane, presso il municipio di Roncade, le sindache Simonetta Rubinato e Silvia Conte e il rettore, prof. Carlo Carraro, hanno firmato il testo della convenzione, già approvata dai Consigli comunali di Roncade e Quarto d’Altino, che fissa gli obiettivi di questa collaborazione. <<Le nostre Amministrazioni – spiegano le due prime cittadine – ritengono sia strategico, soprattutto viste le difficoltà finanziarie dovute alla crisi economica e ai tagli di bilancio da parte dello Stato, avvalerci di professionalità, non presenti nelle strutture comunali, in grado di creare le opportunità per avere accesso ai finanziamenti europei. Siamo pertanto grate al rettore di Ca’ Foscari per la disponibilità manifestata a collaborare con i nostri Comuni su progetti di valorizzazione delle potenzialità esistenti in campo culturale e turistico dei nostri territori>>.

La convenzione, siglata stamane, prevede un accordo di partenariato per accedere al monitoraggio relativo ai bandi diFinanziamenti Comunità Europea, già attuato da Fondazione Ca’ Foscari, senza nessun onere per i Comuni. La Fondazione percepirà un corrispettivo economico per il proprio lavoro solo qualora, previsto interesse manifestato dai Comuni e definito un progetto di collaborazione specifico, riesca ad ottenere il finanziamento.

Il Rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro: <<Le competenze universitarie a servizio del Comune. Con uno sguardo particolare nella selezione di specifici bandi europei di interesse per le amministrazioni comunali. E’ un tassello ulteriore del lavoro che Ca’ Foscari fa per favorire concretamente l’integrazione tra ateneo e territorio. E’ un modo in più perché le conoscenze e la ricerca dell’Università possa essere a disposizione di un altro ente pubblico che attraverso Fondazione Ca’Foscari potrà accedere alle competenze dell’ateneo per sviluppare nuovi progetti e iniziative culturali, ottenere risorse per lo sviluppo infrastrutturale e imprenditoriale. L’ateneo in più, da questo rapporto, migliora le sue relazioni con il territorio e fornisce nuovi obiettivi e stimoli ai suoi ricercatori che potranno confrontarsi con le reali esigenze di un Comune e quindi dei cittadini>>.

Google+
© Riproduzione Riservata