• Google+
  • Commenta
22 maggio 2013

EOS 2013. Presentato a EOS “WOLF”, strumento per la misurazione degli odori

Università degli Studi di TRIESTE – Presentato a EOS 2013 “WOLF”, strumento per la misurazione degli odori

ARCO SOLUTIONS s.r.l., spin-off del Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Trieste ha presentato la propria attività di ricerca e sviluppo sulla tematica degli impatti olfattivi all’EOS- Exposition of Sustainability la fiera internazionale sulla sostenibilità ambientale svoltasi a Udine il 17-18-19 maggio 2013.

ARCO SOLUTIONS s.r.l., spin-off accademico del Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Trieste e neo-insediato in TechnoAREA Gorizia (il più recente tra i poli di AREA Science Park), ha presentato la propria attività di ricerca e sviluppo all’interno degli spazi destinati alla presentazione del “Sistema AREA” di AREA Science Park nella fiera EOS – Exposition of Sustainability, la fiera internazionale sulla sostenibilità ambientale svoltasi a Udine il 17-18-19 maggio 2013.

In particolare ARCO SolutionS ha presentato WOLF, il nuovo olfattometro a 8 postazioni, interamente progettato e costruito in Friuli Venezia Giulia, uno strumento per misurare oggettivamente I’intensità di odore. WOLF è un dispositivo di diluizione realizzato secondo la norma tecnica di riferimento europea che permette di presentare un campione odorigeno opportunamente diluito con gas neutro a un numero prefissato di esaminatori selezionati in modo da avere una soglia di percezione olfattiva definita.

Durante l’evento EOS 2013 fieristico i rappresentanti di ARCO Solutions hanno potuto esporre la tecnologia e le problematiche di settore alla Presidente della Regione FVG Debora Serracchiani.

Nella giornata EOS 2013 di venerdì 17 maggio ARCO SolutionS ha organizzato, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Trieste, il workshop intitolato “Innovazioni in olfattometria” patrocinato dalla Divisione di Chimica Ambiente e dei Beni Culturali della Società Chimica Italiana e dell’Ordine dei Chimici di Trieste. L’evento è stato introdotto da Stephen Taylor, direttore del servizio di Trasferimento Tecnologico di AREA Science Park; operatori coinvolti in attività di controllo degli impatti olfattivi in ambiti territoriali diversi hanno proposto soluzioni tecnologiche recentemente sviluppate per una caratterizzazione puntuale e oggettiva dei fenomeni di molestia olfattiva, rispondendo a criticità che emergono nelle fasi di misura e valutazione. Nell’ambito della tavola rotonda conclusiva, Gianluigi de Gennaro dell’Università di Bari e rappresentante del Tavolo tecnico nazionale sugli odori, ha presentato una sintesi su linee guida regionali per l’oggettivazione degli impatti olfattivi, come quelle di Regione Lombardia e di Regione Puglia.

L’evento EOS 2013 si è concluso con una discussione tra relatori e partecipanti, che ha coinvolto amministratori, tecnici degli organi pubblici di controllo e rappresentanti di comitati di cittadini.

Google+
© Riproduzione Riservata