• Google+
  • Commenta
12 giugno 2013

Coro Cet. Musicastudenti rinnova con il coro cet la tradizione dei canti di montagna

Università degli Studi di PADOVA – Sabato 15 a Padova il Coro Cet che ha rinnovato  la grande tradizione dei canti di montagna

Riproporre il contenuto della grande tradizione del canto popolare e di montagna, con una nuova energia in particolare ai giovani, soprattutto studenti universitari, da parte di un Coro Cet ugualmente composto da giovani. Questo è l’intento del gruppo Musicastudenti che presenta

Sabato 15 giugno 2013 alle 21.00 auditorium del Centro culturale San Gaetano a Padova concerto del CORO CET (Canto e tradizione) di Milano. Organizzato dall’associazione Musicastudenti, in collaborazione con la sezione di Padova dell’Associazione Nazionale Alpini. Ingresso 5 euro, libero per studenti e universitari.

Un contributo al recupero di una dimensione umana pregnante, attraverso la promozione e la diffusione dell’interesse e della passione per questo tipo di musica, così importante nella storia del nostro popolo. Una proposta fatta da giovani ai giovani di riqualificazione del tempo libero, attraverso iniziative artistiche e culturali non ovvie.

Poche meritorie istituzioni in Italia (principalmente il coro della SAT di Trento) garantiscono il preservarsi della straordinaria ricchezza contenuta nel canto popolare, abbinando allo scrupolo filologico per i testi una ragguardevole qualità artistica, ottenuta anche affidando a musicisti di fama internazionale (si citerà il solo esempio dell’indimenticato pianista Arturo Benedetti Michelangeli) il compito di eternare con il sigillo dell’arte le melodie raccolte dal vivo dagli etnologi e dai musicologi specializzati in tradizioni popolari.

In numero ancora minore sono le istituzioni di questo genere in grado di rivolgere una proposta interessante ai giovani. La bassa età media dei membri del coro CeT costituisce di per sé una rarità nel panorama dei complessi affini.

Il canto popolare infatti, trattato nella maniera che noi ci sforziamo di perpetrare, suscita spesso il fascino, proprio nei giovani, per una tradizione accantonata troppo frettolosamente, prima di averne tentato seriamente la tenuta. Come diceva Goethe, bisogna riguadagnarsi il passato, prima di archiviarlo (Faust, I, vv. 329-330). A ogni nostra iniziativa incontriamo giovani entusiasti, che vogliono sentire, sapere, imparare.

L’Associazione Culturale del Coro Cet CeT – Canto e Tradizione – è una realtà di giovani appassionati al repertorio in gran parte negletto della musica popolare, italiana soprattutto, ma non solo. Un repertorio di tradizione secolare che va da canti di origine medievale a brani nati all’epoca della Seconda Guerra Mondiale.

L’iniziativa è finanziata con il contributo dell’Università di Padova con fondi della legge 3.8.1985 n. 429 sulle iniziative culturali studentesche. Responsabile del progetto Claudia Pacifico.

Google+
© Riproduzione Riservata