• Google+
  • Commenta
12 luglio 2013

Cyber Defence. Accordo Cyber Defence tra Unimore e forze armate

Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA – Mai come in questi giorni argomento è più attuale, con il caso della talpa Snowden e la prospettiva che il presidente Obama spii i nostri segreti.

Cyber Defence è un accordo fra l’Università degli studi di Modena e la Scuola delle telecomunicazioni della Forze Armate, atto a sviluppare corsi di alta formazione nel settore tecnico scientifico dell’informazione.

I master e le specializzazioni si terranno nella sede dell’istituzione di formazione militare di Chiavari, in provincia di Genova, e vedranno docenti dell’Ateneo insieme a tecnici altamente specializzati della Cyber Defence.

Dopo gli accordi Cyber Defence intercorsi a Sestri Levante in occasione del Simposio nazionale sulla Difesa Informatica, nella mattinata di giovedì 11 luglio 2013 a Modena il rettore dell’ateneo emiliano Aldo Tomasi ed il comandante della Scuola delle Telecomunicazioni delle Forze Armate Silvano Benedetti hanno firmato la convenzione Cyber Defence per l’attivazione dei primi corsi a partire dall’autunno 2013.

Saranno: un corso di sistemi e servizi basati su internet, un corso di metodologie e tecniche per la Cyber Defence ed un corso digital forensics.

“La decisione di avviare questa collaborazione – comunica il rettore – è motivo di orgoglio perché viene da un istituzione prestigiosa ed altamente qualificata, di cui tutto il Paese può andare fiero. Essa, inoltre, è un significativo riconoscimento dei livelli scientifici raggiunti in questo delicatissimo campo dai nostri ricercatori e docenti, che, tra i primi, sono stati capaci di cogliere la novità non solo dell’importanza della protezione dei dati e delle reti, ma anche del fatto che queste tematiche vanno affrontate con approccio globale che affianchi e pervada gli interventi più propriamente specialistici”. A fiancheggiare l’iniziativa anche il Centro di Ricerca Interdipartimentale sulla Sicurezza e Prevenzione dei Rischi (CRIS) dell’università. “Le scelte dell’Amministrazione della Difesa – commenta Michele Colajanni, direttore del CRIS e responsabile scientifico dei Corsi – seguono percorsi di valutazione molto attenti e rigorosi e questo è per noi ragione valida di compiacimento. Posso solo osservare che Modena vanta una lunga tradizione nella formazione specialistica sulla sicurezza informatica, avviata sin dagli inizi degli anni 2000 quando erano in pochi ad avvertire esigenze che oggi sono all’attenzione di tutti i giornali. La preparazione raggiunta in questo campo è dimostrata dai molteplici progetti di ricerca, formazione e divulgazione che abbiamo gestito, oltre che dalla serietà e disponibilità dei miei ragazzi e dei tanti esperti nazionali che condividono il piacere del far bene”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy