• Google+
  • Commenta
19 luglio 2013

Unicampus. La pittura come terapia: incontro all’Unicampus con Andrea Boldrini

Università “Campus Bio-Medico” ROMA – La pittura al servizio della medicina, per raccontare ed elaborare il proprio vissuto di sofferenza, ma anche per esprimere il coraggio di affrontare la malattia. La nuova alleanza terapeutica tra arte, medici e pazienti ha preso oggi forma su tele realizzate ed esposte negli spazi del Policlinico Universitario del Unicampus.

Sotto la guida dell’artista Andrea Boldrini, i pazienti oncologici si sono armati di tavolozza e pennelli, per narrare la propria esperienza personale a renderla condivisibile attraverso forme e colori. Un incontro tra arte e medicina, con la quale Boldrini ha voluto inaugurare l’esposizione delle sue tele al Unicampus, dove resteranno fino al 30 agosto.

Una tensione narrativa tra mondo sensibile e spiritualità dell’anima – quella che caratterizza l’arte di Boldrini – che si sposa in modo naturale con la “medicina narrativa”, da qualche tempo l’arma terapeutica su cui le strutture sanitarie puntano con interesse per arricchire di nuove esperienze il rapporto medico-paziente e l’elaborazione dell’esperienza della malattia.

“Non si può curare chi non si conosce e non si può conoscere nessuno, al quale sia negato di raccontarsi”, chiosa il Professor Daniele Santini, Responsabile del day hospital oncologico del Unicampus. Al rapporto tra Asclepio e le Muse Santini crede da tempo. Per aiutare i suoi pazienti ad affrontare le sedute di chemioterapia, l’anno scorso ha avviato il progetto di musico-terapia Sette note per te. “Il progetto – spiega il Professore – sta dimostrato che l’ascolto di brani musicali riesce a ridurre ansia e stress, consente un miglior controllo del dolore e garantisce una più efficace risposta ai trattamenti”.

In epoca di tagli alla spesa e di contenziosi sanitari che sono all’origine della cosiddetta medicina difensiva, la “terapia dell’anima” attraverso l’arte sembra interessare anche i manager impegnati ogni giorno al difficile compito della quadratura dei bilanci. “Nella malattia e nel dolore i rapporti umani acquisiscono maggiore profondità ed è più semplice percepire la realtà trascendente – commenta Gianluca Oricchio, Direttore Generale del Policlinico del Campus Bio-Medico –  La pittura in ospedale sottolinea che noi non ci occupiamo solo di malattie, ma di persone: i nostri sistemi gestionali e organizzativi ne sono una conseguenza”. 

Dieci i dipinti di Andrea Boldrini che potranno essere visionate nella grande hall d’ingresso del Policlinico del Unicampus nei prossimi giorni. Le opere sono parte della mostra itinerante Enérgeia, inaugurata ieri alle Scuderie Aldobrandini di Frascati, dove le tele dell’artista, dipinte ad olio secondo la tecnica rinascimentale, accompagnano il pubblico in un’esperienza percettiva che evoca dialoghi tra mondo sensibile e sfera spirituale.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy