• Google+
  • Commenta
20 settembre 2013

Units. “Sotto il segno di Couturat”: seminario Cird Units e dibattito filosofico francese sulla logica di Peano

Università degli Studi di TRIESTE – “Sotto il segno di Couturat: il dibattito filosofico francese sulla logica di Peano” a Units

Lunedì 23 settembre 2013, alle ore 10, il CIRD Units – Centro Interdipartimentale per la ricerca didattica – di Units:

 

“Sotto il segno di Couturat: il dibattito filosofico francese sulla logica di Peano”

 

Relatrice: prof.ssa Erika Luciano (Dipartimento di Matematica, Università di Torino)

 

Aula Seminari, Dipartimento di Matematica e Geoscienze, sezione di Matematica e Informatica Units (III piano, ed. H2bis, via Valerio 12/1)

 

Fra il 1890 e il 1908 le energie della Scuola di Peano sono assorbite dalla divulgazione, in Italia e all’estero, della logica matematica e dalla promozione del Formulaire, un trattato enciclopedico di matematiche elementari, scritto in linguaggio ideografico. Per comprendere i risvolti di questa operazione culturale, una figura essenziale è quella di Louis Couturat, autore di numerosi saggi sui fondamenti dell’aritmetica e della geometria, sui ‘sistemi’ di G.W. Leibniz, E. Schröder, B. Russell e G. Peano, nonché acuto interprete delle correnti filosofiche più in voga al tempo, dal neokantismo allo psicologismo, dal formalismo al finitismo.

In particolare, nelle vesti di collaboratore della Revue de Métaphysique et de Morale, Couturat è coinvolto in due polemiche.

 

La prima lo vede contrapporsi a R. Baire, E. Borel e H. Lebesgue, da lui accusati di aver voluto scientemente ignorare gli apporti del linguaggio e degli algoritmi logico-formali allo sviluppo della teoria delle funzioni di variabile reale.

 

Nella seconda, nota come la ‘polemica su rigore e intuizione’, Couturat sostiene – contro la Scuola francese di H. Poincaré, E. Borel, M. Winter, J. Hadamard e P. Boutroux – le posizioni degli inglesi e degli italiani, in merito a una congerie di questioni fra cui il problema delle antinomie, il principio di induzione completa, il teorema di Cantor-Bernstein e l’assioma della scelta.

 

Nel corso del suo intervento, alla luce dei carteggi di Couturat con Peano e Borel, la prof.ssa Luciano si propone di descrivere le dinamiche di diffusione Oltralpe dei contributi della Scuola di logica torinese, illustrando i presupposti culturali alla base delle divergenti valutazioni che ne diedero Couturat e la comunità scientifica francese.

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy