• Google+
  • Commenta
14 ottobre 2013

Università degli Studi di Padova. Si sono laureati Davide Brotto e Paolo Macaccaro

Cus Padova

Università degli Studi di PADOVA – Due studenti dell’Università degli Studi di Padova che vanno a canestro, nello sport e negli studi. Si sono laureati Davide Brotto e Paolo Macaccaro

Cus Padova

Cus Padova

Davide Brotto e Paolo Macaccaro si sono laureati, il primo in Medicina e Chirurgia l’altro in Biologia Molecolare. Tra i tanti studenti dell’Università degli Studi di Padova, Brotto e Macaccaro, sono due autentiche eccellenze nel campo dello sport. Entrambi sono giocatori della Cus dell’Università degli Studi di Padova Basket in Carrozzina la prima squadra italiana universitaria di uno sport paralimpico e una tra le poche realtà al mondo di questo tipo.

Davide Brotto è tra i fondatori, oltre che allenatore della squadra, ed è presente in formazione per sei stagioni dal 2007/2008 a oggi. Nazionale Under 23, partecipante agli Europei under 23 di Istanbul, giocatore in A2 e A1, ha vinto la Supercoppa italiana e la Coppa Vergauwen.

«Lo scopo della mia tesi è stato lo studio neuroradiologico delle alterazioni del sistema nervoso centrale in pazienti con sindrome di Goldenhar. La rilevanza dei dati emersi ha già spinto ad un approfondimento dello studio e puntiamo alla pubblicazione a breve di quanto scoperto. Vorrei entrare in Scuola di Specializzazione dell’Università degli Studi di Padova e potermi occupare di Otochirurgia» sottolinea Brotto «inoltre ho intenzione di continuare ad allenare e a far crescere la squadra, avviando allo sport e accompagnando alla laurea sempre più ragazzi disabili e normodotati».

Non da meno è l’altro laureato, Paolo Macaccaro, anche lui in squadra nel ruolo di ala dal 2007/2008 ad oggi e giocatore della Nazionale Under 23 oltre che in A2. «Durante la tesi» dice Maccaro «ho studiato il ruolo della protein-chinasi CK2 nella B-linfopoiesi e ora vorrei iniziare un dottorato di ricerca nella scuola di dottorato di oncologia e oncologia chirurgica per poter continuare a far ricerca nel campo delle neoplasie ematologiche di tipo B: Mieloma multiplo, Leucemia linfatica cronica e linfoma mantellare».

Google+
© Riproduzione Riservata