• Google+
  • Commenta
12 novembre 2013

Doping prestazioni limiti all’Università di Udine

Nuovo metodo di lotta al doping dall'Università Tuscia
Doping prestazioni limiti a Uniud

Doping prestazioni limiti a Uniud

Doping prestazioni limiti a Uniud. Ciclo di incontri all’Università di Udine sul rapporto tra senso dello sport e senso della vita

Mercoledì 13 novembre, alle 15, a palazzo Florio a Udine conferenza intitolata “In perfetta forma. Curare o migliorare: dove corrono le frontiere della medicina?”

Il rapporto tra senso dello sport e senso della vita; tra doping prestazioni e limiti, sportivi e non: sono alcuni dei temi al centro del ciclo di tre incontri intitolato “Over the top” che inizierà mercoledì 13 novembre all’Università di Udine. L’iniziativa è organizzata dal dipartimento di Studi umanistici in collaborazione con l’Istituto “Jacques Maritain”.

L’appuntamento di domani, alle 15, nella sala Florio di palazzo Florio Università degli Studi di UDINE (via Palladio 8) è intitolato “In perfetta forma. Curare o migliorare: dove corrono le frontiere della medicina?”. Interverranno: Luca Grion, docente di Filosofia morale all’Università di Udine; il filosofo Vittorio Possenti, già componente del Comitato nazionale per la bioetica, e lo psichiatra Francesco Piani, direttore del Dipartimento delle dipendenze dell’Azienda per i servizi sanitari (Ass) n. 4 “Medio Friuli”.

“La caduta degli dei. Il successo nelle prestazioni e il fallimento del doping: quando divorziano cultura sportiva e ritrovati tecnoscientifici?” è invece il tema del secondo appuntamento che si terrà mercoledì 27 novembre, alle 15, nella sala del Pianoforte di casa ‘Solari’, in vicolo Florio 4 all’Università di Udine. Parteciperanno Tommaso Reato, già nazionale di rugby ed ex capitano del Rovigo rugby; Pietro Enrico di Prampero, professore emerito di Fisiologia dell’Ateneo friulano; Tiziano Agostini, docente di Psicologia generale dell’Università di Trieste.

Il ciclo di incontri all’Università di Udine si concluderà giovedì 12 dicembre, alle 15, nella sala Florio di palazzo Florio, con l’incontro intitolato “No limits? Ritirarsi, lasciare, fallire: parole impronunciabili o verbi che fanno scuola?”. Interverranno: Alessandro Donati, già tecnico della nazionale di atletica, oggi consulente dell’Agenzia mondiale antidoping (Wada); Pietro Trabucchi, docente di Coaching all’Università di Verona e psicologo delle squadre nazionali di ultramaratona; Santo Davide Ferrara, docente di Medicina legale all’Università di Padova, esperto di antidoping.

«Lo sport – spiega Luca Grion, responsabile scientifico dell’iniziativa –, è, o dovrebbe essere, a un tempo, buona pratica di vita e metafora efficace per l’educazione alla vita buona; ma lo sport è, anche, uno specchio attraverso il quale osservare le criticità della società contemporanea. Riflettere seriamente sul doping sportivo significa dunque interrogarsi sull’umano nella sua integralità».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy