• Google+
  • Commenta
9 dicembre 2013

Al Poli Design del Politecnico di Milano design pensato per l’architettura

POLI DESIGN Consorzio del Politecnico di Milano – Il design pensato per l’architettura: Master del Poli Design

Poli Design

Poli Design

Iscrizioni aperte e Borse di Studio disponibili. Sono aperte le iscrizioni della IV edizione del Master del Politecnico di Milano in Industrial Design for Architecture gestito da Poli Design.

Un percorso di studi del Poli Design pensato per completare la formazione dei progettisti, ampliandone le competenze e la capacità di problem solving, con soluzioni e strumenti tipici del Disegno Industriale.

L’obiettivo del Master del Poli Design è infatti formare professionisti versatili e con una forma mentis elastica ed adattabile, in grado di affrontare con successo le sfide della progettazione globale, nelle diverse realtà nazionali e internazionali del settore.

Il Master in Industrial Design for Architecture del Poli Design permetterà quindi di acquisire le capacità e gli strumenti necessari per gestire, con soluzioni progettuali innovative e tecnologicamente avanzate, il contesto internazionale diventato sempre competitivo grazie soprattutto ad un metodo didattico pratico e concreto che prevede il confronto con professionisti di settore e lo svolgimento di workshop.

Un’esperienza fondamentale per avviare un percorso professionale di successo, come dimostrano le parole di Melissa Sobrado, originaria della Costa Rica e studentessa dell’ultima edizione del Master Poli Design, che sta attualmente svolgendo un tirocinio curriculare – previsto per tutti i partecipanti – presso lo studio Claudio Bellini, Design+Design.

Il Master del Poli Design, erogato in lingua inglese, si rivolge ai laureati in Industrial Design, Ingegneria, Architettura e, in generale, in tutte le discipline politecniche.

La commissione mette a disposizione 4 Borse di Studio a copertura del 50% della quota di iscrizione, che verranno assegnate per meriti curriculari ai candidati più meritevoli.

Google+
© Riproduzione Riservata