• Google+
  • Commenta
2 dicembre 2013

Ateneo di Pisa: Spin off IVTech vince il premio dall’idea all’impresa

Università di PISA – La spin off “IVTech” dell’Ateneo di Pisa vince il premio “Dall’idea all’impresa” al Concorso Gaetano Marzotto

Spin Off Ateneo di Pisa

Spin Off Ateneo di Pisa

La giovane impresa, ospitata al Centro Piaggio dell’Ateneo di Pisa, si occupa di tecnologia in vitro per ridurre test animali

Tra i 10 progetti che hanno vinto il premio “Dall’idea all’impresa” al concorso “Gaetano Marzotto” c’è anche “IVTech”, nascente spin off dell’Ateneo di Pisa ospitata al Centro di Ricerca “E. Piaggio”.

La start-up dell’Ateneo di Pisa si occupa di produrre tecnologia innovativa come supporto alla ricerca in-vitro, al fine di ridurre i test su animali. Le giovani imprese sono state premiate il 28 novembre a Valdagno, la “città sociale” in provincia di Vicenza che ha rivestito un ruolo chiave nel progetto di imprenditoria di Gaetano Marzotto. “Dall’Idea all’Impresa” era la categoria riservata ai giovani sotto i 35 anni: i 10 premi, dal valore complessivo di 300.000 euro, saranno corrisposti in servizi e consisteranno in un periodo di residenza all’interno di incubatori d’impresa con programmi dedicati, per trasformare le idee in impresa.

L’idea IVTech dell’Ateneo di Pisa, lanciata dagli ingegneri Tommaso Sbrana, Serena Giusti, Giorgio Mattei e dalla professoressa Arti Ahluwalia, propone di produrre e commercializzare innovativi sistemi per colture cellulari in-vitro e diffondere quelli già sviluppati dal gruppo di ricerca presso il Centro di Ricerca “E. Piaggio”. Tra gli obiettivi principali della start up, c’è anche la formazione di ricercatori e tecnici nell’ambito della ricerca in-vitro. Grazie al premio vinto, IVTech sarà incubata presso Fondazione Filarete.

Il Premio “Gaetano Marzotto”: Promosso e ideato dall’Associazione Progetto Marzotto, il concorso vuole creare le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, sostenendo la nascita di nuova impresa in Italia, fondata sul virtuoso connubio tra capacità imprenditoriale e visione sociale, sull’esempio di quanto fece nella prima metà del secolo scorso Gaetano Marzotto, l’inventore del welfare integrato aziendale, fondatore a Valdagno della città sociale; un modello successivamente perseguito con altrettanta determinata passione dal figlio Giannino Marzotto, scomparso nel 2012, autorevole testimone e mentore di Progetto Marzotto e dell’omonima Associazione, da lui fortemente incoraggiati nel 2010, come ha avuto modo di sottolineare più volte il nipote Matteo Marzotto, attuale Presidente dell’Associazione: “Da più di 175 anni la nostra famiglia è impegnata industrialmente e culturalmente con progetti tesi alla crescita del nostro Paese e allo sviluppo della sua società. Tra questi, il Premio Gaetano Marzotto, che da tre anni è tornato a vivere con una progettualità nuova, volta al mondo dell’imprenditoria di ricerca e dell’innovazione attenta anche alle ricadute occupazionali e socio-culturali sul territorio; un progetto unico per il coinvolgimento attivo delle tante energie italiane, dai giovani imprenditori alle Università, dagli incubatori agli investitori, dai Ministeri alle Associazioni di categoria, ai giovanissimi start upper, che non si esaurisce in un semplice assegno, seppur importante, ma nella costruzione quotidiana di un ecosistema dell’innovazione in Italia, che segni il passo del nostro Paese”.

Google+
© Riproduzione Riservata