• Google+
  • Commenta
4 dicembre 2013

Doppia Laurea: Arriva la doppia laurea per due studenti dell’Unipi

Doppia Laurea

Università degli Studi di PISA – Doppia laurea per due studenti di Ingegneria gestionale all’Unipi

Doppia Laurea

Doppia Laurea

Grazie all’accordo con l’Università di Cranfield, Luca Cinti e Marta Magazzini hanno conseguito una doppia laurea, uno valido in Italia, l’altro in Gran Bretagna

La loro doppia laurea è una laurea speciale, un titolo che vale doppio, riconosciuto in Italia e Gran Bretagna: mercoledì 4 dicembre Luca Cinti e Marta Magazzini hanno discusso la loro tesi con il professor Gino Dini e, grazie all’accordo con la Cranfield University, hanno ottenuto la laurea magistrale in Ingegneria gestionale all’Università di Pisa e il Master of Science in Engineering and Management of Manufacturing presso l’Ateneo britannico.

A partire dall’anno accademico 2011-2012, infatti, Cranfield ospita fino a quattro studenti l’anno provenienti dal corso di laurea pisano, che hanno così l’opportunità di conseguire la doppia laurea, vivendo un’esperienza unica in uno dei più prestigiosi atenei britannici. Alla discussione hanno portato i loro saluti anche il prorettore per la Promozione dell’internazionalizzazione Marco Guidi, e Franco Failli, presidente del corso di laurea in Ingegneria gestionale.

I due studenti pisani che hanno conseguito la doppia laurea hanno trascorso un anno a Cranfield e questa esperienza di studio ha aperto loro anche le porte del mondo del lavoro:

  • Luca, 24 anni di Viareggio, ritornerà presto in Inghilterra per lavorare alla Bentley Motors, dove ha già un posto che lo aspetta. Con la sua tesi ha studiato un modello di valutazione dei costi di dismissione di prodotti complessi come aerei, navi e centrali nucleari, ottenendo la votazione di 109/110.
  • Anche Marta, 24 anni di Cecina, tornerà presto in Inghilterra per lavorare: dopo l’esperienza a Cranfield, è stata tre mesi in Portogallo per preparare la sua tesi, ospite presso l’azienda TMG Automotive, dove ha sviluppato un modello matematico per soddisfare la domanda finale del cliente. La commissione di laurea l’ha premiata con la votazione di 110/110 e lode.

“L’Ateneo si augura che la doppia laurea rilasciato con l’Università di Cranfield faccia da apripista a numerose altre iniziative simili, alcune delle quali sono ormai alla fase di lancio – ha detto Marco Guidi – I fondi appena attribuiti dal MIUR all’Università di Pisa per sostenere titoli doppi e congiunti sono un segnale che questa è la strada giusta per consentire ai nostri migliori studenti di acquisire un profilo internazionale, che apra loro una carriera brillante nel mondo del lavoro”.

L’accesso degli studenti al percorso di doppia laurea è stabilito secondo due criteri ben precisi, ossia l’esito degli esami già sostenuti a Pisa durante il primo anno di corso, e la conoscenza della lingua inglese. Una volta selezionati, i ragazzi hanno la possibilità di frequentare e sostenere gli esami del secondo e ultimo anno di corso presso l’Università di Cranfield, oltre che lavorare a un progetto di gruppo, con la collaborazione di aziende inglesi, e a una tesi finale, da sviluppare individualmente.

“La possibilità di conseguire sia il titolo di ingegnere magistrale in Ingegneria gestionale presso l’Università di Pisa, sia quello di Master of Science in Engineering and Management of Manufacturing Systems rilasciato dall’ateneo di Cranfield – dichiara il professor Franco Failli – rappresenta indubbiamente un importante riconoscimento internazionale della validità dei nostri metodi di insegnamento ed è indubbiamente un “fiore all’occhiello” non solo per il nostro corso di laurea, ma anche per tutta l’Università di Pisa”.

Nella stessa sessione di laurea, grazie all’opera di assistenza e coordinamento dell’avvocato Adarosa Ruffini, docente a contratto di Normazione integrata della logistica e dei trasporti, ha ottenuto il titolo di Ingegnere gestionale magistrale con la votazione di 107/110 anche Massimo Maria Barbato, che si è laureato con una tesi riguardante lo sviluppo di una analisi svolta in collaborazione con ISO (International Organization for Standardization) e UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) che è rivolta all’individuazione di criteri oggettivi per la determinazione del valore economico insito nell’applicazione sistematica delle diverse normative nazionali e internazionali all’interno delle imprese. La tesi, giudicata da ISO il miglior lavoro internazionale presentato nel contesto di tali studi, culmina nella pubblicazione di un volume della collana “ISO International case studies”, e testimonia ancora una volta la validità degli studi e l’importanza del corso di laurea in Ingegneria gestionale.

Google+
© Riproduzione Riservata