• Google+
  • Commenta
9 dicembre 2013

Università degli Studi di Verona: opportunità per lo sviluppo del business

Università degli Studi di VERONAControlli interni e imprese, le opportunità per lo sviluppo del business

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona

Seminario organizzato dal master in Internal Auditing dell’Università degli Studi di Verona e da Confindustria. Mercoledì 11 dicembre alle 15, Sala Convegni Confindustria Verona.

Razionalizzare i costi e incrementare l’efficacia complessiva è effettivamente possibile grazie al sistema di controllo interno, uno strumento essenziale per il conseguimento degli obiettivi aziendali. Il seminario dell’Università degli Studi di Verona “L’integrazione dei controlli interni nelle imprese. Necessità ed utilità per il business”, in programma mercoledì 11 dicembre alle 15 nella Sala Convegni di Confindustria Verona, sarà l’occasione per affrontare il tema dei controlli interni, mettendone in luce le opportunità nel sistema aziendale e sulla sua gestione.

Paolo Roffia, docente di Economia dell’Università degli Studi di Verona e direttore del master di primo livello in “Internal auditing e compliance”, aprirà i lavori e introdurrà gli interventi di esperti e operatori del settore, con l’obiettivo di mettere a confronto differenti principi ed esperienze sul campo. Durante la serata verranno consegnati gli attestati ai partecipanti della scorsa edizione del master in Internal auditing e compliance e verrà premiato lo studente migliore. L’incontro sarà l’occasione anche per ricordare che ci sono ancora alcuni posti a disposizione nella classe della nuova edizione del master. Le domande di iscrizione possono essere presentate fino al 20 dicembre.

Il programma del seminario all’Università degli Studi di Verona. Il sistema di controllo interno è un importante strumento a disposizione del management per conseguire gli obiettivi aziendali in modo efficace ed efficiente. Legato sia a differenti fattori interni, quali la dimensione, il business e la cultura di un’azienda, sia a variabili esterne, come il quadro normativo e l’ambiente in cui l’impresa agisce, se correttamente utilizzato consente di governare in maniera ottimale i processi interni nella direzione della customer satisfaction, favorisce la gestione dei rischi e, soprattutto, della buona governance.

Il seminario dell’Università degli Studi di Verona affronta proprio questo tema, analizzando in particolare la rilevante questione della frammentazione dei controlli interni e di come nell’attuale contesto economico e normativo sia opportuno superare il mero collegamento per arrivare a forme di integrazione dei sistemi.

Dopo l’introduzione del direttore Roffia, sarà Francesca Delfini senior manager “PwC risk e compliance” ad analizzare la “Struttura del sistema di controllo interno” mettendone in evidenza i limiti e le opportunità. Silvio De Girolamo, group chief internal audit e Csr officer di Autogrill, descriverà la realtà della sua azienda nell’ottica dell’integrazione e dell’automazione dei controlli interni. La conclusione sarà affidata ad Alberto Bonomo, direttore internal auditing di “Gruppo, finanziaria internazionale holding”, con l’intervento dal titolo “Un modello di integrazione dei controlli e dei flussi informativi”. Dopo gli interventi alle 17.30 è in programma la tavola rotonda.

Master in Internal auditing e compliance Il master, unico nel Nordest, si propone di inserire in imprese, in società di consulenza e di revisione aziendale, esperti che lavorino a stretto contatto con i vertici per prevenire particolari situazioni di rischio e orientare la gestione verso migliori performances. Il calendario prevede 318 ore di lezioni di didattica frontale prevalentemente il venerdì e il sabato, affiancate da un periodo di stage in azienda di almeno 3 mesi. Ciascuna attività formativa comprende lezioni e seminari teorico-pratici con simulazioni e case study.

Google+
© Riproduzione Riservata