• Google+
  • Commenta
8 gennaio 2014

Università di Torino: a Infermieristica debutta “Pietre”

Università di TORINO – A Infermieristica debutta “Pietre”, il teatro contro la discriminazione

Università di Torino

Università di Torino

Domani giovedì 9 gennaio, alle 17.00, presso l’Aula Magna dell’Istituto Rosmini (Via Rosmini 4) sede del Corso di Laurea di Infermieristica Università di Torino, debutterà “Pietre”, performance teatrale frutto di un lavoro con gli studenti sul tema della discriminazione in particolare in ambito sanitario, promossa da Teatro Popolare Europeo in collaborazione con l’Università di Torino, InPrEsa, Master di Teatro Sociale e Comunità, DoRS (Centro di Documentazione per la Promozione della Salute della Regione Piemonte) e le Asl di Alessandria, Vercelli, Cuneo.

La performance teatrale dell’Università di Torino rappresenta la tappa finale del progetto “Come mi senti? Il teatro per la cura delle discriminazioni“, vincitore del bando regionale piemontese per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro.

Il progetto ha promosso la sensibilizzazione al tema delle discriminazioni nei luoghi di cura sia tra curanti e pazienti che nelle dinamiche lavorative degli operatori sanitari, coinvolgendo studenti infermieri dell’Università di Torino e raccogliendo diverse storie di testimoni.

La regista dello spettacolo, Alessandra Rossi Ghiglione presenta così la performance: “Pietre intende senza retorica e attraverso l’essenzialità della scena condividere ciò che ci hanno trasmesso tutte le persone coinvolte dal progetto: lo sgomento morale di fronte alla discriminazione, ma anche la forza, la sensibilità e la determinazione a cambiare il modo di vivere e abitare la cura e il mondo”.

Lo spettacolo all’Università di Torino sarà replicato a Cuneo (13 gennaio), Tortona (23 gennaio), Vercelli (28 gennaio) e Asti (29 gennaio), presso i luoghi di cura, nelle Università e negli spazi di formazione del personale sanitario.

Google+
© Riproduzione Riservata