• Google+
  • Commenta
10 marzo 2014

Cda Unict da via ad una nuova fase di stabilizzazione del precariato

Università di Catania – Il Cda dell’Unict ha dato il via ad una nuova fase di stabilizzazione del precariato

Unict

Unict

Trentacinque unità di personale ‘precario’ saranno stabilizzate nei prossimi giorni dall’Unict.

Lo ha comunicato, esprimendo ‘viva soddisfazione’, il rettore dell’Unict Giacomo Pignataro.

Nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione dell’Unict di venerdì 7 marzo – annuncia il prof. Pignataro – è stata data attuazione al mio impegno programmatico di dar continuità al processo di stabilizzazione del personale tecnico-amministrativo precario già inserito nelle relative graduatorie”.

“Sulla base della programmazione già approvata dal Consiglio dell’Unict, e in attesa della sua rimodulazione che sarà resa possibile da adempimenti burocratici del Ministero che permetteranno l’impegno di ulteriori punti organico – precisa il rettore -, viene così avviata la procedura per l’entrata in ruolo, in parti uguali, di un primo blocco di lavoratori con contratto a tempo determinato e di lavoratori impegnati in Progetti di Utilità Collettiva (PUC), per un totale complessivo di 35 unità. Nelle prossime settimane, grazie alla rimodulazione già approvata, contiamo di avviare la procedura per altrettante unità di personale”.

Per il rettore, quella degli organi di governo dell’Università “è stata una scelta che contraddistingue positivamente l’Unict nel panorama nazionale e che tende a dar risposta a quella che rappresenta una priorità assoluta nel nostro Paese, quella di assicurare il diritto al lavoro”.

“Resta molto da fare – conclude il prof. Pignataro dell’Unict – ed è da auspicare un impegno deciso in questa direzione da parte del Governo e degli Enti Locali. Un impegno che ci vedrà sempre presenti”.

Google+
© Riproduzione Riservata