• Google+
  • Commenta
25 aprile 2017

Riscatto anni di laurea gratis: come funziona dopo le novità 2017

Riscatto anni di laurea
Riscatto anni di laurea

Riscatto anni di laurea

Riscatto anni di laurea gratis: ecco come funziona dopo le novità 2017, e quali sono i requisiti.

Riscattare gli anni di laurea gratis è la soluzione che conviene a chi non ha una posizione contributiva continua.

I disagi che incontrerebbero i giovani sarebbero tali che la proposta avanzata nel 2016 potrebbe presto essere rivalutata. Il riscatto laurea ha un costo.

E considerando che l’età pensionabile si fa sempre più alta, non sempre conviene optare per questo tipo di alternativa.

Tito Boeri, presidente dell’Inps, aveva già lanciato dati allarmanti appena un paio d’anni fa.

Da allora poco è stato fatto. Ed il crescente numero degli inoccupati preoccupa sempre di più il Governo. E quindi è stata valutata quest’ultima soluzione: il riscatto anni di laurea gratuito.

La proposta, questa volta, viene dal sottosegretario dell’economia Pier Paolo Baretta. Ed è stata annunciata nel corso del Forum sulla previdenza organizzato dalla Cassa dei commercialisti.

Ma come funziona il riscatto della laurea? Che cos’è e quali sono i requisiti? Riscattare gli anni di laurea permette di incrementare la pensione e accorciare i tempi per uscire dal mondo del lavoro. Il costo è però abbastanza elevato. In alcuni casi non conviene farlo. Con l’attuale normativa, infatti, si andrà in pensione ad un’età tale che non si potrà recuperare quando speso.

Riscatto anni di laurea 2017: ultime novità per riscattare la laurea gratis per la pensione

Si prospetta oggi uno scenario preoccupante per i giovani che raggiungeranno l’età pensionabile. Infatti la crisi economica e percorsi professionali discontinui hanno determinato l’assenza di continuità contributiva. Il sottosegretario Baretta ha proposto il riscatto anni di laurea gratis per la generazione Millennials, ossia per tutti i nati dal 1980 al 2000.

Ma come funziona? Secondo il sottosegretario, gli anni universitari dovrebbero essere coperti dal punto di vista previdenziale, fiscalizzando il periodo contributivo legato gli studi universitari. In questo modo i laureati potranno accumulare qualche anno contributivo in più, e soprattutto senza interruzioni. Per il momento si tratta solo di una ipotesi che trova il consenso dei sindacati, ma che deve essere verificata dal Governo.

Per poter beneficiare di questa soluzione, occorre però aver conseguito la laurea. Quindi questa novità potrebbe incentivare anche le nuove generazioni a terminare gli studi. E soprattutto nei tempi giusti in quanto non si possono riscattare i periodi di iscrizione fuori corso.

Ricordiamo che si possono riscattare anche gli anni investiti per i conseguimento di diplomi universitari (corsi di durata non inferiore a due anni e non superiore a tre). Ma anche diplomi di laurea (corsi di durata non inferiore a quattro e non superiore a sei anni). Lo stesso vale per i diplomi di specializzazione che si conseguono successivamente alla Laurea ed al termine di un corso di durata non inferiore a due anni. Il riscatto vale anche per i dottorati di ricerca i cui corsi sono regolati da specifiche disposizioni di legge, ed i diplomi di laurea specialistica.

Requisiti e costo riscatto anni di laurea: ecco chi potrà farlo

Attualmente non si possono riscattare gli anni di laurea se nello stesso periodo si percepiva un reddito da lavoro e contestualmente si versavano i contributi. Attualmente incrementare gli anni di contributi ha un costo, che è proporzionato al proprio reddito.

Infatti il ricatto della laurea per fini pensionistici viene fatto quando si è ancora giovani. E quando si ha, teoricamente, un reddito inferiore. Bisogna fare una distinzione per il riscatto anni di laurea prima e dopo il 1995. Nel primo caso  il costo del riscatto verrà calcolato secondo la cosiddetta “riserva matematica”. Il calcolo viene fatto considerando diverse variabili. Per gli anni di laurea dopo il 1995, invece, il riscatto si calcola con l aliquota contributiva in vigore alla data di presentazione della domanda di riscatto applicata al reddito da lavoro conseguito.

Per poter riscattare gli anni di laurea, bisogna attualmente andare direttamente sul sito dell’Inps e presentare la domanda di riscatto laurea tramite accesso telematico dei Servizi Online. Oppure procedere all’operazione tramite l’aiuto di un intermediario come un centro Caf o commercialista.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy