• Google+
  • Commenta
23 Agosto 2018

Test Professioni Sanitarie 2018: domande, risposte e soluzioni

Test Professioni Sanitarie 2018
Test Professioni Sanitarie 2018

Test Professioni Sanitarie 2018

Diretta del test Professioni Sanitarie 2018: quali sono le domande e risposte, scarica PDF delle soluzioni svolte della prova d’accesso a numero chiuso.

Il 12 settembre 2018 si terrà in tutta Italia la prova ad accesso programmato nazionale per le Professioni Sanitarie. Superare questo test a numero chiuso, consente di iscriversi alle facoltà di Logopedia, Fisioterapia, Infermieristica, Ostetricia. Tra le facoltà alle quali è possibile accedere, ci sono anche quelle di Podologia, Ortottica e assistenza oftalmologica, Terapia e psicomotricità dell’età evolutiva, Tecnica della riabilitazione psichiatrica, Terapia occupazionale, Educazione professionale. La data del test Professioni Sanitarie è stata fissata dal Miur per il 12 settembre 2018. Il Ministero ha indicato nel bando ufficiale anche tutte le altre informazioni utili per poter studiare i programmi e gli argomenti previsti per la prova.

Anche se si tratta di una prova ad accesso programmato nazionale, a differenza degli altri test d’ingresso 2018, i quiz non sono gestiti totalmente dal Miur. Le domande della prova sono stabilite dalle Università. Queste gestiscono in maniera autonoma anche la pubblicazione delle graduatorie o le modalità di iscrizione. Il Ministero stabilisce il numero dei posti disponibili, il numero delle domande e l’assegnazione del punteggio.

Anche quest’anno sarà possibile conoscere alcune delle indiscrezioni che riguardano le domande e le soluzioni fornite durante lo svolgimento della prova. Infatti online, sui gruppi Facebook creati per prepararsi in vista della prova, oppure su Twitter, non mancano i commenti dei candidati che si sono cimentati nella risoluzione dei quiz, svelando alcuni degli argomenti oggetto della prova svolta.

Test Professioni Sanitarie 2018: domande e risposte dalla diretta della prova – PDF

In tempo reale su questa pagina saranno quindi fornite alcune delle domande sottoposte agli studenti. La prova di ammissione consiste nella soluzione di 60 quesiti, ciascuno con 5 possibili opzioni di risposta. La soluzione per ciascuna domanda è unica, ed il candidato deve cercare di risalirvi per esclusione, scartando le meno probabili, oppure indicando la risposta che ritiene esatta.

Il bando del Miur indica anche la suddivisione dei quesiti per argomenti. Il test Professioni Sanitarie 2018 prevede:

  • 2 quesiti di cultura generale;
  • 20 quesiti di ragionamento logico;
  • 18 quesiti di biologia;
  • 12 quesiti di chimica;
  • 8 quesiti di fisica e matematica.

Tutti i candidati devono rispondere alle stesse domande, a prescindere dalle preferenze indicate per l’iscrizione alle diverse facoltà. Per lo svolgimento della prova è assegnato un tempo 100 minuti. L’inizio è previsto per le ore 11:00 del 12 settembre 2018 in tutti gli Atenei.

I candidati non possono abbandonare l’aula prima della scadenza del tempo assegnato per lo svolgimento della prova, salvo i casi di forza maggiore. Per la valutazione della prova sono attributi al massimo 90 punti. I criteri di valutazione della prova sono i seguenti:

  • 1,5 punti per ogni risposta esatta;
  • – 0,4 (meno 0,4) punti per ogni risposta errata;
  • 0 punti per ogni risposta omessa.

Il punteggio determinerà poi la graduatoria di merito che stabilirà l’ammissione o l’esclusione ai vari corsi di studio. La data di pubblicazione della graduatoria è stabilita in maniera indipendente dal Miur. Come pure le procedure di scorrimento e ripescaggio, son stabilite autonomamente da ciascuna Università.

Soluzioni test Professioni Sanitarie 2018 anni precedenti da scaricare

Ogni anno sono in tanti a provare a superare il test Professioni Sanitarie. Per esercitarsi molti studenti si cimentano nelle simulazioni online. Oppure nello svolgimento delle prove degli anni precedenti. Questo test è tra i più ambiti anche perchè offre numerosi sbocchi professionali.

Secondo una recente indagine Istat, tra le Lauree Triennali, i corsi afferenti alle classi delle professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche offrono tra le maggiori opportunità occupazionali (fino al 98,9% di occupati laureati intervistati). Gli sbocchi lavorativi non riguardano solo le corsie ospedaliere ma anche “la dirigenza nelle strutture sanitarie (organizzazione/supervisione delle strutture ed erogazione dei servizi in un’ottica di efficienza ed efficacia), l’insegnamento universitario, la formazione continua, la ricerca nell’ambito di competenza“.

Ad offrire opportunità vantaggiose all’interno del recente mercato del lavoro, sono anche gli sbocchi professionali per le Scienze riabilitative delle professioni sanitarie, con il 98,7%. Seguono infine le Scienze delle professioni sanitarie tecniche con il 96,6%. Tra le figure più ricercate, ci sono tecnico audiometrista, tecnico sanitario di radiologia biomedica, tecnico di laboratorio biomedico, tecnico di neurofisiopatologia.

Google+
© Riproduzione Riservata