• Google+
  • Commenta
19 Dicembre 2018

Come confezionare un cesto di Natale in casa fai da te: cosa mettere

Come confezionare un cesto di Natale
Come confezionare un cesto di Natale

Come confezionare un cesto di Natale

Ecco come confezionare un cesto di Natale in casa fai da te: idee per confezionare cesti regalo gastronomici, solidali, aziendali, di frutta secca.

A Natale, si sa, la corsa ai regali è folle, molto spesso non si ha il tempo di cercare il regalo adatto a tutti e cosi, capita di chiederci:”cosa posso regalare al collega di lavoro per Natale?”

Un regalo che non passa mai di moda è il cesto natalizio. Fai da te, gastronomico, solidale, salato, di frutta, questi cesti natalizi particolari li potremmo regalare anche ad un’amica o ad un parente lontano. Trovando una soluzione carina, con un pizzico di creatività, un semplice regalo scontato può diventare un pensiero indimenticabile.

In vendita online è possibile trovare cesti di diversa fattura. All’Ikea o in qualsiasi negozio all’ingrosso della vostra zona, i cesti in vimini, in corda, in legno o in feltro la fanno da padrone.

Ma comprati gli ingredienti che vorremmo mettere al suo interno e compreso quale materiale utilizzare, come confezionare un cesto di Natale in casa fai da te?

Potremmo pensare ad esempio di realizzare un cesto particolare scegliendo un unico alimento, come ad esempio il caffè, selezionando alcune tipologie di caffè ed accompagnarlo con qualche dolce fatto in casa. Oggi, che la passione per l’alimentazione particolare è tanta, sapere quale alimento predilige il nostro amico, collega o capo, fa si che il regalo non risulti banale.

Come confezionare un cesto di Natale di frutta e dolci: cosa mettere dentro di buono e bello

Abbiamo detto di quale materiale può essere un cesto natalizio e abbiamo detto come è possibile realizzare un cesto particolare con una selezione di alcuni alimenti. Ma come confezionare un cesto di frutta e dolci? Quali scegliere? Come comporre un cesto di frutta?

Durante il periodo natalizio, la frutta secca è considerata il simbolo. Infatti sulle nostre tavole, specialmente al sud, a fine pasto, la frutta secca non può mancare. I fichi secchi, insieme ai datteri disidratati possono essere i primi frutti da inserire all’interno del nostro cesto. Nei negozi sono molto presenti, ma anche nelle nostre case non mancano. Anche le mandorle, le nocciole e le noci possono essere dei frutti da inserire.

Altra frutta secca che possiamo confezionare sono gli arachidi e le noci. Potremmo pensare a diverse tipologie di frutta secca e proveniente da diverse parti del mondo. Se siete persone a cui piace girare, scegliere e selezionare alimenti particolari, caratteristici, perché non realizzare un bel cesto di Natale con specialità di provenienza diversa accompagnando il tutto con un dolce caratteristico della zona?

Come confezionare un cesto di Natale di salumi e carne: cosa metterci

Abbiamo visto come e quali alimenti selezionare per fare bel regalo, interessante, ma come confezionare un cesto di Natale di salumi e carne invece?

Anche per questa tipologia di cesto potremmo scegliere dei tagli di carne particolare o proveniente dall’estero. In questo caso però, sarebbe consigliabile scegliere più salumi ad alta conservazione come ad esempio salami, prosciutti sigillati o anche dei tranci di mortadella. 

La tradizione natalizia, soprattutto nel periodo di capodanno, vuole che si consumi anche il cotechino, con le lenticchie e l’uva. Perché allora non pensare di confezionare un cesto con prodotti tipici della tradizione natalizia ed accompagnare il tutto con un bigliettino che spieghi la nostra scelta, la nostra tradizione?

Soprattutto per chi non è del luogo ed ha una curiosità forte, far conoscere la tradizione natalizia campana  sarebbe  interessante e creare una confezione di un cesto natalizio realizzato in casa e fai da te che racconti il territorio, può essere un’occasione.

Ad un collega che lavora in azienda con noi, ma che è originario di un altro territorio, potrebbe far piacere conoscere ed assaporare alimenti caratteristici o cibi KM 0. Anche se realizzati in casa.

Google+
© Riproduzione Riservata