• Google+
  • Commenta
5 Aprile 2019

NoiPa CUD 2019: quando è disponibile e come scaricarla

Area riservata NoiPa per CUD 2019
Area riservata NoiPa per CUD 2019

Area riservata NoiPa per CUD 2019

Tutte le ultime notizie inerenti il CU (ex CUD) 2019 su NoiPA: quali sono le novità in merito alla sua elaborazione, quando sarà disponibile e le istruzioni per scaricarla.

Ogni anno i lavoratori attendono il modulo della CU, sigla indicante la Certificazione Unica. All’interno vi trovano spazio le somme  del reddito d’imposta dell’anno precedente. Inoltre enumera anche dati relativi alle somme erogate e ritenute, alle detrazioni e dell’ambito previdenziale ed assistenziale.

La CU ha sostituito dal 2015 la CUD, Certificazione unica dei redditi del lavoro dipendente. Tale cambiamento è stato dettato dal  decreto semplificazioni fiscali (D.lgs. 175/2014). La CU contiene più dati rispetto al suo antecedente, ma soprattutto è un modello valido per tutti. Infatti la CUD era utilizzata solo da pensionati e dipendenti, mentre i lavoratori autonomi attestavano il proprio reddito in forma libera.

Lo scopo dei due documenti comunque rimane il medesimo ed è legato alla dichiarazione dei redditi. I sostituti d’imposta, il datore di lavoro per intenderci, consegna il CU all’Agenzia delle Entrate. Inoltre dovrà rilasciarlo anche al dipendente.

Nel caso dei dipendenti pubblici, è possibile scaricare il proprio modello direttamente dal sito NoiPa, ossia il sistema informatico adibito ai servizi per i dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Certificazione Unica dal NoiPa CUD 2019: come scaricarla – link consultazione documenti

La Certifica Unica quest’anno va consegnata entro il 31 Marzo 2019, ma essendo domenica, il termine è slittato al 1 Aprile 2019. Da allora i dipendenti della Pubblica Amministrazione possono consultare l’ultimo CU, quello relativo all’anno 2018. Ma è possibile anche accedere a quelli degli anni passati, poiché rimangono archiviati per 5 anni.

Dal 2011 NoiPa presenta le certificazioni solo in formato elettronico, è possibile inoltre consultare diversi altri documenti online, tra cui anche il cedolino mensile. Per tutti i dipendenti scaricare la Certificazione Unica sarà facilissimo in pochi semplici passaggi:

  • accedere all’area personale tramite codice fiscale e password, o attraverso la Carta Nazionale dei servizi (CNS);
  • cliccare sul menù amministrato;
  • cliccare su documenti personali;
  • selezionare archivio CU;
  • aprire il CU e scaricarlo sul proprio PC.

Inoltre è possibile accedere al proprio CU anche attraverso l’App ufficiale NoiPa, dispomnibile su google e apple store. La modalità è all’incirca la stessa del sito. Per accedere bisognerà inserire le proprie credenziali. Da qui si giungerà velocemente a ciò che si ricerca. L’app è dotata infatti di quattro opzioni principali: “Cedolini” – “Certificazioni Uniche” – “Notizie” – “Assistenza”. Verrà dunque naturale selezionare Certificazioni Uniche per visualizzare il modulo in questione.

Certificazione Unica CU ex CUD cosa cambia in Noi Pa

La Certificazione Unica rilasciata da NoiPa contiene anche il conguaglio fiscale, ossia il risultato del calcolo complessivo delle imposte Irpef e delle addizionali dovute dal lavoratore. Tale calcolo è effettuato dal servizio NoiPa stesso dal mese di Dicembre a quello di Febbraio ogni anno.

Per farlo tiene conto delle ritenute d’acconto operate mensilmente nel corso dell’anno solare precedente e l’imposta effettivamente dovuta sull’ammontare complessivo degli emolumenti erogati (somme fondamentali e accessorie) nell’anno precedente.

Da qui a seconda dei casi può risultare un credito a favore del dipendente, se l’imposta complessivamente dovuta è inferiore al totale delle ritenute già operate e il dipendente viene rimborsato nel mese di febbraio. Se  invece l’imposta dovuta è superiore al totale delle ritenute già operate il dipendente sarà in debito e le somme gli saranno scalata dal cedolino del mese del conguaglio.

Per quanto riguarda però l’elaborazione del conguaglio all’interno della CU, NoiPa ha specificato alcune eccezioni. Nello specifico riguardano:

  • Il personale in servizio, per il quale lo stipendio del mese di febbraio non viene emesso, la CU è stata regolarmente elaborata senza riportare nelle annotazioni l’indicazione “addizionali all’IRPEF calcolate e non recuperate” e certificando l’eventuale conguaglio fiscale a debito nel campo – “IRPEF da trattenere dal sostituto successivamente al 28 febbraio”
  • Il personale cessato entro il 1° febbraio dell’anno del rilascio della certificazione, NoiPA non effettua il calcolo del conguaglio fiscale, indipendentemente dalla causale di cessazione, né esegue il calcolo delle addizionali regionali e comunali e dei conguagli contributivi 18% e 3-ter. Pertanto, per tale personale, la CU prodotta riporta nelle annotazioni l’indicazione “obbligo della dichiarazione dei redditi”.
Google+
© Riproduzione Riservata