• Google+
  • Commenta
16 Aprile 2019

Uovo di Pasqua: origine e storia, come nasce questa tradizione

Immagine Uovo di Pasqua
Immagine Uovo di Pasqua

Immagine Uovo di Pasqua

Quando e come nasce il primo uovo di Pasqua: origine e storia di questo simbolo pasquale, come nasce questa tradizione pagana e che collegamento c’è con quella religiosa.

Da dove viene l’usanza delle uova di Pasqua?

Dalle semplici uova sode colorate alle più prestigiose uova Fabergé, l’uovo di Pasqua è rimasto una tradizione in tutto il mondo. In Italia, anche oggi, le uova di Pasqua sono benedette e poste al centro del tavolo.

Le uova di Pasqua russe e ucraine sono vere e proprie opere d’arte, con motivi e colori molto simbolici e geometrici. Possono essere decorate con rappresentazioni cristiane come la croce, o Cristo Risorto.

In Occidente, invece, c’è la tradizione di organizzare la caccia alle uova, che vengono nascoste nella campagna o nei giardini della casa o in città.

I bambini la mattina di Pasqua si mettono alla ricerca di questi preziosi tesori lasciati dalle campane pasquali di ritorno da Roma, come dice la leggenda.

Secondo la tradizione le campane vanno a Roma per essere benedette dal Papa. Le campane smettono di suonare il giovedì sera, e si recano a Roma. Poi al ritorno lasciano cadere dal cielo uova,  caramelle ed altre prelibatezze.

Ma secondo la tradizione tedesca, in realtà sarebbe un coniglio bianco invisibile a nasconderli. Negli Stati Uniti e in Alsazia, è una lepre. In Turingia, sarebbe proprio una cicogna, mentre in Svizzera è un cuculo a rallegrare i bambini con dolci prelibatezze. L’usanza di offrire uova decorate, tinte o lavorate esisteva molto prima dell’era cristiana. Ecco altre le leggende sull’origine dell’uovo di Pasqua: storia e significato di questo simbolo della tradizione cristiana.

Uovo di Pasqua: origine e storia di questo simbolo, uova tradizionali  e di cioccolato

La storia dell’uovo di Pasqua e della sua origine, affonda le radici nel lontano passato. Ad esempio nell’antichità gallica, i druidi tingevano le uova in rosso in onore del sole. Per gli ebrei, l’uovo è il simbolo della vita ma anche della morte. La liberazione del popolo ebraico è costata la vita a molti e la felicità non è mai assoluta per gli ebrei.

A Pesach, gli ebrei immergono un uovo in acqua salata in memoria di tutte le lacrime versate dalla perdita della loro indipendenza. Nella religione ebraica, Pesach commemora l’esodo degli ebrei fuori dall’Egitto, guidato da Mosè. Al loro primo pasto di uomini liberi, hanno sacrificato un agnello, un animale sacro in Egitto. Da allora, questa carne è stata consumata dagli ebrei a Pesach, e proprio l’agnello, è un altro simbolo di questa ricorrenza.

Molte feste pagane celebravano così la resurrezione della natura simboleggiata dall’uovo, portando un germe di vita. Ma molto probabilmente la tradizione delle uova di Pasqua è nata in seguito al divieto fatto della Chiesa, valido fino al XVII secolo, di consumare le uova durante la Quaresima. Dato che non è possibile impedire alle galline di deporre le uova, i cristiani tenevano le uova preziose fino a Pasqua.

Re Luigi XIV rese poi l’uovo di Pasqua decorato un’istituzione. Da un lato, il suo popolo doveva portargli il più grande uovo deposto nel suo regno durante la Settimana Santa. Poi lui stesso, il giorno di Pasqua, circondato da grandi cesti, distribuiva personalmente uova dipinte con foglia d’oro ai suoi cortigiani. Questa tradizione del passato è riproposta ancora oggi ed i bambini ricevono in dono uova o piccoli conigli di cioccolato.

Come nasce la tradizione delle uova pasquali e significato

Poiché la primavera è la stagione della nascita della natura, l’uovo, che rappresenta la vita e la rinascita, fu probabilmente il primo simbolo usato nei rituali che risalgono all’alba dei tempi. In primavera, egiziani e persiani erano soliti tingere le uova e offrirle per simboleggiare il rinnovamento della vita.

Ma qual è l’origine dell’uovo di cioccolato? Nel Medioevo, i cristiani conservavano le uova fino alla fine del digiuno della Quaresima, e poi le decoravano. Fu nel diciottesimo secolo che venne l’idea di svuotare le uova per riempirle di cioccolato e segnare la fine del digiuno e della Quaresima.

Questa tradizione è ancora molto presente in alcuni paesi, come in Germania. Le prime uova di Pasqua interamente di cioccolato  sono apparse nel 19 ° secolo, grazie ai progressi delle tecniche di lavorazione della pasta di cacao. Oggi gli stampi offrono forme sempre più varie, come le campane o conigli al cioccolato. Questi sono altri simboli di questa festa che porta con se un profondo significato religioso e simbolico.

Google+
© Riproduzione Riservata