Assegno universale – Family Act: come funziona e a chi spetta

Mario Ragone 20 Giugno 2020

Ecco come funziona e a chi spetta l'assegno universale 2020 del Family Act: per famiglie, figli a carico, straordinario Inps, come richiederlo e da quando.

Il programma del Family Act 2020, articolato su 8 punti cardine dalla ministra Elena Bonetti di Italia Viva, messo a punto per le famiglie, conta anche sull’assegno universale.

Tra le varie forme d’agevolazione previste dal disegno di legge, infatti, vi è anche tale sostegno economico: ma cos’è l’assegno universale? A chi spetta questo bonus per le famiglie con figli a carico e quando va in vigore? Inoltre come richiederlo e fare domanda? Cosa prevede invece quello straordinario Inps? Sono tanti gli interrogativi che si pongono partite iva, lavoratori dipendenti ed altri genitori che in tempi di crisi, non possono citare su pensioni o misure di sostegno della famiglia.

Ecco che quindi il governo ha pensato di erogare un nuovo credito, a sostegno delle famiglie con figli, in considerazione del reddito ed ISEE familiare.

Andiamo a rispondere a ciascuno dei quesiti sopra elencati servendoci anche del parere di un esperto in materia politica ed economica, Il Temporary Manager Antonio Ansalone ci illustrerà, infatti, come funziona, cosa prevede e qual è l’importo del suddetto sussidio.

Infine oggetto d’attenzione sarà anche la diversa applicazione dell’agevolazione in questione per i figli a carico e la natalità. Un assegno unico, dunque, quello pensato dalla ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, di grande aiuto per i nuclei familiari ed i giovani. Un tassello che s’incastra all’interno di un piano di rilancio del Paese necessario per la situazione post Covid-19.

Assegno universale: come funziona, cosa prevede ed importo del programma Family Act

Procediamo nella nostra analisi dell’assegno universale (detto anche bonus figli) muovendo dal come funziona, cosa prevede e qual è l’importo che lo caratterizza. Tre aspetti cruciali per chi è interessato a fare richiesta del sussidio in questione. Partendo dal primo elemento, è possibile dire che tale agevolazione economica rientra nel piano più ampio del Family Act 2020 pensato dalla ministra Elena Bonetti di Italia Viva. Esso è uno strumento di aiuto rivolto ai nuclei familiari per i figli a carico successivi al secondo e non solo. La condizione temporale è quella che va dal settimo mese di natalità al compimento dei 18 anni (quindi della maggiore età).

Nel caso di figli disabili, ovviamente un simile limite temporale non ha validità e prevede inoltre una maggiorazione del venti per cento. La somma destinata alle famiglie verrà erogata mensilmente in base all’ISEE (situazione reddituale) secondo le seguenti fasce:

  • un ISEE fino a 7.000 euro comporta una cifra erogata di 160 euro per ciascun figlio
  • da 7.000 a 40.000 euro sono previsti 120 euro per figlio
  • con un ISEE superiore ai 40.000 l’importo è di 80 euro

Tale tipologia d’incentivo contenuta nel testo in Gazzetta Ufficiale del Family Act 2020 molto probabilmente entrerà in vigore dal Gennaio 2021. Ciò in conseguenza di una fase d’approvazione a Luglio cui farà seguito quella dei decreti attuativi che si verificherà salvo imprevisti nel prossimo Autunno. La concretizzazione, per tanto, di questo contributo vedrà la luce non prima dell’inizio del prossimo anno.

A chi spetta il contributo a sostegno delle famiglie del Family Act

Andiamo ora a vedere a chi spetta il contributo a sostegno delle famiglie presente nel Family Act. Per farlo abbiamo coinvolto in merito il parere del Temporary Manager Antonio Ansalone:

“Questa misura economica pensata dalla ministra Bonetti nel contesto più ampio del Family Act agisce come strumento d’aiuto per le famiglie. In tal senso i destinatari nonchè soggetti interessati dal contributo in questione sono i nuclei familiari con figli a carico. Essi potranno beneficiare di una somma variabile a seconda della personale situazione reddituale. L’ultima dichiarazione ISEE, infatti, servirà, per ciascun nucleo familiare, a stabilire l’importo spettante” – sostiene il Manager Ansalone –

“Quindi – prosegue – si parla, anche se non vi è ancora un’assoluta certezza, di una cifra pari a 160 euro per reddito limite di 7.000 euro. Man mano, poi, all’aumentare di quest ultimo cala la somma erogata fino ad un minimo previsto di 80 euro per singolo figlio. Inoltre c’è da dire che in caso di prole con disabilità vi sarà un incremento del 20% sulla somma e decade il vincolo legato all’età. Infine la modalità con cui verrà elargito il contributo sarà quella o del pagamento diretto, o di un credito in compensazione dei debiti d’imposta”.

Requisiti assegno universale: quali sono le condizioni per averlo

Riepiloghiamo dunque quali sono i requisiti necessari per ottenere l’assegno universale:

  • figli a carico superiori ad uno e con età inferiore ai 18 anni eccetto i disabili (poichè la misura vale per ciascun figlio successivo al secondo)
  • non godere di altri sussidi incompatibili con l’assegno universale (quindi ulteriori contributi per figli nati prima di un certo periodo come il “bonus bebè” ad esempio)
  • situazione reddituale conforme a quella sopra indicata

Le condizioni esposte sono ovviamente suscettibili di variazioni in attesa di una concretizzazione dei decreti attuativi immediatamente precedenti all’ultima fase di entrata in vigore del ddl.

© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto