Family Act: cos’è e quali sono le misure a sostegno della famiglia

Mario Ragone 19 Giugno 2020

Ecco cos'è il Family Act 2020 e cosa prevede tale sostegno economico del governo per le famiglie: come fare domanda e caratteristiche del disegno di legge.

Tra i diversi piani d’intervento varati dal governo attuale per la ripresa dall’emergenza economico-sanitaria post Coronavirus vi è anche il Family Act. Una misura rivolta alle famiglie e pensata come doppia forma d’agevolazione ed incentivo. Ma nello specifico che cos’è il Family Act del governo e cosa prevede? Come fare domanda per ottenere il sussidio in un unico assegno? In Gazzetta Ufficiale sono presenti tutte le informazioni per conoscere i requisiti, e quindi a chi spetta. Nonché da quando sarà possibile inoltrare la domanda e i dettagli relativi al nuovo assegno per le famiglie 2020.

Andiamo allora a fare luce su tali quesiti facendoci aiutare anche da un esperto in materia economica, il Temporary Manager Antonio Ansalone.

Insieme a quest ultimo esploreremo uno per uno gli elementi del Family Act: bozza, il pdf sul ddl del governo, cosa prevede l’assegno universale per le famiglie, i collegamenti col lavoro agile e molto altro ancora. Infine sarà oggetto d’analisi anche il testo della Gazzetta Ufficiale del decreto pensato dalla Ministra per la Famiglia e le Pari Opportunità di Italia Viva Elena Bonetti.

Cos’è il Family Act: cosa prevede secondo quanto dice il testo in Gazzetta Ufficiale

Partiamo nella nostra disamina sul cos’è il Family Act da cosa prevede il testo della Gazzetta Ufficiale in merito. Tale piano d’intervento economico rivolto al tutte le famiglie famiglie consta sostanzialmente nei seguenti punti cardine:

  • assegno mensile per tutte le famiglie con figli, (non sono previsti limiti nel caso di disabilità)
  • assegno con importo minimo, che potrà essere modulato per scaglioni in base all’ISEE;
  • importo corrisposto mensilmente alle famiglie o erogato sotto forma di credito di imposta da utilizzare in compensazione dei debiti con il Fisco;
  • beneficio garantito dal 7° mese di gravidanza fino al compimento del 18° anno di ciascun figlio (come detto per i figli disabili non ci sarà il limite di età).
  • sostegno per le spese familiari riguardanti la scuola e dunque l’educazione ma che si estende anche alla cultura e lo sport
  • congedi parentali che toccano qualsiasi profilo professionale ivi compreso il congedo di paternità obbligatorio/strutturale
  • attenzione rivolta soprattutto agli under 35 con agevolazioni in merito alle spese universitarie ed affitti di prima casa da parte delle giovani coppie

Un programma che comprende, dunque, varie tipologie di aiuto finanziario destinato in generale ai nuclei familiari, ma più nel particolare anche ai giovani. Un modo per andare incontro ad una situazione difficile dal punto di vista economico, aggravata dall’emergenza causata dal Covid-19. In più sono previsti sempre nel testo del ddl governativo anche gli sconti per gli asili, una sorta di buono per pagare le tasse scolastiche. Esso si estende fino alla primaria e all’infanzia; in ultimo sempre parlando di studenti universitari, il Family Act comprende anche detrazioni per famiglie che hanno almeno un figlio iscritto all’università con fitto a carico.

Come funziona l’assegno universale a sostegno delle famiglie

Spostiamo ora l’attenzione su come funziona l’assegno universale a sostegno delle famiglie. Per analizzare questo aspetto ci siamo serviti del parere di un esperto, il Temporary Manager Antonio Ansalone:

“Per ciò che riguarda l’assegno universale previsto dal disegno di legge sul Family Act è possibile dire che esso prima di tutto verrà erogato mensilmente. Le tempistiche poi di ottenimento per il nucleo familiare vanno dal settimo mese di gravidanza alla maggiore età raggiunta da ciascun figlio a carico. Una condizione, questa, soggetta a variazioni nel caso di disabilità dove non sono previsti limiti. Tale assegno può svilupparsi secondo due modalità” – sostiene il Manager Ansalone –

“La prima – prosegue – si basa su di una somma di denaro quale forma d’incentivo per la famiglia a cui è destinato. La seconda, invece, è una forma d’agevolazione o credito d’imposta riconosciuto e poi utilizzato in compensazione. Infine, in caso di più figli a carico del nucleo familiare tale misura economica subisce un incremento del venti per cento in rapporto sempre alla situazione reddituale stabilita dall’Isee”.

Quali sono le misure a sostegno della famiglia del Family Act

Riepiloghiamo ora quali sono le misure a sostegno della famiglia presenti nel Family Act 2020 del governo:

  • assegno universale (per ciascun figlio fino alla maggiore età eccezion fatta per i disabili per cui non sono previsti limiti)
  • congedo parentale (della durata di due mesi per ciascun figlio non applicabile ad altro genitore) ivi compreso il congedo di paternità
  • incentivo al lavoro femminile (indennità del trenta per cento per madri lavoratrici versata dall’Inps in riferimento al periodo di rientro professionale post congedo obbligatorio)
  • deducibilità delle spese per eventuale servizio di baby-sitting utilizzato
  • lavoro agile come modalità impiegata in caso di genitori con figli di età inferiore ai 14 anni
  • sostegno alle famiglie per spese di tipo educativo (rette universitarie dei figli, acquisto materiale didattico etc.) che sia compatibile con altre agevolazioni impiegate
  • agevolazione rivolta alle giovani coppie under 35 per l’affitto di una prima abitazione
  • buono previsto per le tasse scolastiche che vanno dagli sconti sugli asili nido alle rette per la primaria e l’infanzia
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto